Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Federacciai: 2021 un anno di Renaissance per l’acciaio

Il Presidente Alessandro Banzato: «Per il 2022 siamo preoccupati per l’escalation dei costi energetici»

Translated by Deepl

Il presidente di Federacciai Alessandro Banzato ospite delle interviste ai vertici delle associazioni di filiera contenute nello speciale di fine anno siderweb.

Presidente Banzato, se dovesse sintetizzare il 2021 in una parola, quale utilizzerebbe?

Renaissance, la stessa che avete usato come slogan della bellissima edizione 2021 di Made in Steel. Quello che si sta per chiudere è stato effettivamente l’anno della rinascita per la filiera che, pur con differenze di marginalità fra commodities e specialties, ha rappresentato per tutti una crescita molto sensibile in termini di volumi e fatturato.

Cosa si aspetta per il 2022?

Per il prossimo anno siamo fiduciosi perché i fondamentali dell’economia sono buoni e sarà ancora sostenuto il trend dei consumi interni ed internazionali. Siamo però molto preoccupati per quanto riguarda l’evoluzione dei costi ed in particolare per quelli del gas e dell’energia elettrica che si prevedono molto alti per almeno tutto il primo trimestre. Già adesso molte aziende, pur avendo un buon portafoglio ordini, si vedono costrette a rallentare o fermare la produzione nelle ore di picco dei costi energetici.
Speriamo che si ritorni presto a valori accettabili perché il rischio è che le dinamiche inflazionistiche indotte possano incrinare l’andamento dei consumi. I problemi discendono da dinamiche internazionali che sono al di fuori della nostra portata e che non
possono che trovare soluzioni in una dimensione almeno Europea. Quello che però si potrebbe fare e che ci aspettiamo vada all’attenzione anche del nostro Governo e degli enti regolatori è quello di una attenta analisi dei criteri di formazione dei prezzi dell’energia a livello nazionale.

Quali sono le sfide da vincere per poter mantenere anche per il 2023 i tassi di crescita di quest’anno?

Per quanto riguarda noi, la filiera siderurgica, bisogna continuare ad investire su persone, tecnologie e prodotti in una logica sempre più rivolta alla sostenibilità che sta diventando il nuovo paradigma del fare e trasformare l’acciaio. Dal punto di vista più generale sarà necessario continuare a garantire la stabilità politica in Italia come in Europa. In piena attuazione del PNRR non oso pensare cosa vorrebbe dire per tutti noi, imprese e cittadini, la riapertura di una fase di forte incertezza ed instabilità governativa. Porterebbe sicuramente a conseguenze nefaste sia per la crescita che per quanto riguarda la credibilità che il nostro Paese ha riguadagnato nell’ultimo anno.

Ritiene che definire meglio il concetto di filiera e lavorare, tutti, per raggiungere una coesione maggiore, potrebbe contribuire alla crescita complessiva del settore?

Il fulcro della filiera è la produzione di acciaio. Se va in difficoltà chi produce acciaio la filiera, a monte e a valle, non può che risentirne in negativo. Ciò premesso credo che la filiera sia un valore imprescindibile ed una maggiore coesione, ovviamente
nel reciproco rispetto dei ruoli, non potrebbe che essere un vantaggio per tutti. Per fare questo credo che ci debba fare riflettere una frase che Angela Merkel ha pronunciato nel suo discorso di commiato di fronte ai nuovi parlamentari tedeschi incitandoli
a «guardare sempre il mondo con gli occhi degli altri». Credo che se tutti gli attori della nostra filiera riuscissero in questo esercizio
potremmo veramente raggiungere una coesione maggiore.

N.B. Intervista realizzata per lo Speciale 2021 chiuso in redazione il 12/12/2021.


22 giugno 2022

Banzato: equilibrio precario, pesano i problemi energetici

Il bilancio del presidente di Federacciai, allo stand di Acciaierie Venete al wire di Düsseldorf

di Davide Lorenzini

10 marzo 2022

Caro tariffe, Ance propone misure drastiche

Il presidente Buia: «Serve un meccanismo obbligatorio di compensazione». Linea diretta con Federacciai

di Marco Torricelli

26 gennaio 2022

PNRR: il ministro Giovannini “vede” una revisione

Secondo il Fondo monetario internazionale, intanto, nel 2022 l’Italia crescerà meno del previsto

di Redazione siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Una vita senza ricerca non è degna per l'uomo di essere vissuta”

Socrate

DOSSIER

Dossier

Made in Steel 2023, ecco gli espositori

Verso la Conference & Exhibition internazionale dell’acciaio: le voci, le attese e i progetti della filiera

ARTICOLI SIMILI

22 giugno 2022

Banzato: equilibrio precario, pesano i problemi energetici

Il bilancio del presidente di Federacciai, allo stand di Acciaierie Venete al wire di Düsseldorf

di Davide Lorenzini

10 marzo 2022

Caro tariffe, Ance propone misure drastiche

Il presidente Buia: «Serve un meccanismo obbligatorio di compensazione». Linea diretta con Federacciai

di Marco Torricelli

26 gennaio 2022

PNRR: il ministro Giovannini “vede” una revisione

Secondo il Fondo monetario internazionale, intanto, nel 2022 l’Italia crescerà meno del previsto

di Redazione siderweb

24 maggio 2022

Federacciai: Made in Steel essenziale per la filiera

Secondo Banzato, «in momenti complessi tali opportunità di confronto assumono un’importanza ancora maggiore»

di Davide Lorenzini

6 dicembre 2022

Banzato: «Sul finale del 2022 pesa l'incertezza»

Nel 2023 per Acciaierie Venete nuovi forni fusori e possibili operazioni di M&A

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale 2022

Una riflessione sull'anno appena passato per affrontare insieme le sfide del prossimo futuro.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio
A cura di Stefano Gennari

RICREA: riparte dalla Sicilia il tour di Capitan Acciaio

Dal 29 settembre torna l'iniziativa di RICREA per spiegare ai cittadini l'importanza della raccolta differenziata