Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Coronavirus: ecco il protocollo imprese-sindacati

Dodici punti condivisi per limitare la diffusione in azienda del Covid-19

Versione stampabile

Dodici punti di buon senso e buone pratiche anziché un atto rigido e fiscale di regolamentazione. Questo è il protocollo Covid-19 undefined firmato lo scorso 14 marzo tra governo, aziende e sindacati.

Un documento che di fatto raccoglie e mette nero su bianco le pratiche che le aziende siderurgiche avevano avviato sin dal primo giorno in cui il coronavirus da una minaccia lontana è entrato a far parte della nostra quotidianità.

In particolare vi è stata convergenza su tutti i punti, dal possibile ricorso a ferie e ammortizzatori sociali per limitare il numero di dipendenti in azienda alla promozione dell’utilizzo del lavoro agile per i reparti non essenziali per la produzione.

«L’obiettivo del presente protocollo condiviso di regolamentazione è fornire indicazioni operative finalizzate a incrementare, negli ambienti di lavoro non sanitari, l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare l’epidemia di Covid-19. Il Covid-19 rappresenta un rischio biologico generico, per il quale occorre adottare misure uguali per tutta la popolazione. Il presente protocollo contiene, quindi, misure che sono la logica della precauzione e seguono e attuano le prescrizioni del legislatore e le indicazioni dell’Autorità sanitaria» si spiega nella premessa.

I punti chiave, come ricordato, sono 12 e spaziano dagli obblighi di informazione dei dipendenti, alle verifiche per l’accesso in azienda come il controllo della temperatura. Viene indicato anche come comportarsi nel caso che venga accertato che una persona sia affetta dal virus. Anche le precauzioni per l’accesso di esterni in azienda restano identiche alle buone pratiche già in uso da diverse settimane nelle aziende. Maggiori chiarimenti sono invece stati dati sulle procedure di sanificazione a cui l’azienda è tenuta. Che vanno dalla pulizia giornaliera alla sanificazione periodica dei locali, ambienti e delle postazioni comuni. Viene inoltre stabilito che l’azienda debba mettere a disposizioni il disinfettate per le mani dei dipendenti, oltre che posizionarlo all’ingresso delle aziende.

Nel caso sia individuato un soggetto contagiato si deve «procedere al suo isolamento in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria e a quello degli altri presenti dai locali, l’azienda procede immediatamente ad avvertire le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute». Inoltre si deve collaborare per aiutare a ricostruire i «contatti stretti» che il lavoratore contagiato potrebbe aver avuto.

Nessuna chiusura degli impianti quindi anche in caso di contagio, ma solo dei protocolli sanitari per contenere la diffusione del virus.

«L'accordo raggiunto oggi – ha commentato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia - ci permetterà in questa fase di emergenza di comprendere e considerare le fabbriche italiane al servizio del Paese a partire dalle filiere dell'agroalimentare e del farmaceutico per garantire a tutti noi i beni primari e tutelare ogni filiera della produzione».

Soddisfazione è stata espressa anche i sindacati: «Siamo stati capaci di portare il governo e le imprese a dire che al centro ci sono salute e sicurezza: prima viene la salute, perché questa è la condizione per far ripartire la nostra economia - ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini -. Questo protocollo mette a disposizione una strumentazione importante ma c’è bisogno di volontà e di attenzione. Nessuno deve rimanere da solo e nessuno deve essere licenziato. C'è bisogno che il governo vari il decreto e che metta 4 miliardi sulla cassa integrazione».

«È stata una lunga notte di discussione, ma alla fine è prevalso un senso di comune responsabilità e di positiva unità. La nostra priorità rimane quella di tutelare la salute ed il reddito di tutti i lavoratori italiani» ha aggiunto la leader della Cisl Annamaria Furlan. «È prevalso il buon senso e abbiamo fatto valere il principio della priorità della sicurezza sul profitto, valorizzando il ruolo delle Rsu e degli Rls e Rlst» ha concluso il numero uno della Uil Carmelo Barbagallo.

ARTICOLI CORRELATI

17 marzo 2020

Le conseguenze del coronavirus

Quali politiche economiche per il rilancio europeo?

di Gianfranco Tosini

17 marzo 2020

Coronavirus: in Piemonte e Val d'Aosta l’acciaio tiene duro

Se la Cogne Acciai Speciali ha deciso di chiudere, il tessuto produttivo resiste e vuole andare avanti

di Marco Torricelli

17 marzo 2020

Coronavirus: usato il bazooka da 25 miliardi

La Ferriera di Servola si prepara allo spegnimenti, mentre il greggio scende sotto i 30 dollari al barile

di Redazione Siderweb

16 marzo 2020

Coronavirus: il punto sulle fermate

Non è da escludere che la lista si allunghi se si fermeranno anche gli utilizzatori

di Davide Lorenzini

16 marzo 2020

Coronavirus: FCA ferma in quasi tutta Europa

Tutte le controllate del gruppo nel Vecchio Continente interrompono la produzione fino al 27 marzo

di Marco Torricelli

13 marzo 2020

Coronavirus: l’apprensione dei lavoratori. Sciopero a Taranto

Oggi la videoconferenza Conte – sindacati, ma i dipendenti chiedono sforzi maggiori alle aziende

di Davide Lorenzini

12 marzo 2020

Coronavirus: applicare le misure sanitarie, appello di Fim, Fiom, Uilm

Le fabbriche si fermino vino al 22 per sanificare e mettere in sicurezza gli ambienti

di Davide Lorenzini

26 febbraio 2020

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

di Redazione Siderweb
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

26 maggio 2020

Eurofer: plauso il piano di rilancio ma serve il sostegno all'acciaio

L'associazione fiduciosa sul programma della Commissione Ue ma chiede più tutele alle importazioni

di Davide Lorenzini

26 maggio 2020

Coronavirus. Anghileri: «Domanda ancora debole»

La giovane COO del centro servizi Eusider: «Le risorse promesse non sono ancora arrivate alle imprese»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

AST Terni. La Fiom: «Serve partner mondiale»

Il sindacato: «Guardiamo con favore a qualunque aiuto di Stato, ma siamo contrari a soluzioni preconfezionate»

di Marco Torricelli

26 maggio 2020

Acciaio & Sostenibilità. Le persone al centro della comunicazione

Il racconto di Paolo Morandi (siderHUB), Isabella Manfredi (Feralpi Group) e Roccandrea Iascone (RICREA)

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

La fase 2 dell'acciaio

I contributi degli analisti di siderweb su lockdown, previsioni e attese per la siderurgia nella fase 2

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid
A cura di Davide Lorenzini

Gli imballi in acciaio superano la sfida Covid

Fusari, direttore RICREA: «Vissuti due mesi di tensione ma il sistema ha tenuto. Nel 2019 riciclo oltre l'80%»

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali