Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

L'editoriale di Emanuele Morandi

“Industria 4.0” e “Stati generali dell’acciaio”. Governance e visione, la doppia novità

 di Emanuele Morandi Versione stampabile

Ho assistito ieri a Milano, al Museo della Scienza e della Tecnica, alla presentazione del  Piano nazionale Industria 4.0. A sottolineare l’importanza dell’occasione e della svolta che comporta erano presenti il ministro Carlo Calenda e del premier Matteo Renzi.

E’ un piano rivoluzionario nella forma e nella sostanza; un piano ambizioso (da 13 miliardi di risorse pubbliche), atteso da molto tempo e che delinea il modello da applicare al tessuto industriale italiano: la via italiana alla Quarta Rivoluzione Industriale.

“E’ l’ultima chiamata per il manifatturiero italiano”, ha sentenziato Gianfelice Rocca nella sua introduzione.

“Le nuove tecnologie” ha detto il premier Matteo Renzi “creano dei perdenti e dei vincenti e noi dobbiamo scegliere se stare dalla parte della Paura di chi teme il cambiamento o provare a giocare la carta del Coraggio”.

Il piano presentato è concreto ed orientato ai risultati. “Ci misureremo sull’execution” ha più volte ripetuto il ministro Calenda. Perché l’unica cosa che conta davvero, al di là delle buone intenzioni, saranno i risultati che questo piano produrrà.

Oltre a questo aspetto di concretezza vorrei sottolineare due altri aspetti di novità.

La prima è un nuovo modo di intendere il rapporto tra pubblico e privato in materia di politica economica ed industriale: la cabina di regia a livello governativo è stata costruita su un’architettura di governance pubblico-privata. Inoltre, ed è questo un elemento significativo, gli strumenti previsti (agevolazioni, credito d’imposta alla ricerca, finanza a supporto) sono erogati sulla base di una scelta operata in modo autonomo dall’impresa che decide COME e DOVE investire. Più fiducia nelle imprese, insomma.

La seconda è la “visione” che il piano sottende: la rivoluzione industriale 4.0 non è solo una sfida tecnologica ma di modelli di business e -  soprattutto – culturale, di lungo periodo. Diventa quindi fondamentale la formazione e la diffusione di conoscenze.

E’ quanto stiamo facendo con gli “Stati Generali dell’ACCIAIO”, in particolare al tavolo “Innovazione e Trasformazione Digital”.

Perché se è vero, come ha detto Gianfelice Rocca, che il manifatturiero è il l’asse portante dell’economia e dell’occupazione in Italia, è altrettanto vero che l’acciaio è la sua materia prima.

Mi ha fatto molto piacere notare la sintonia nei contenuti e nel metodo tra quanto contenuto nel Piano presentato ieri e il lavoro che stiamo svolgendo all’interno della nostra filiera in un’ottica di cross fertilisation.

Ora dopo le slide e le PAROLE, devono cominciare le AZIONI che producono fatti concreti.

Clicca sull'icona 22.09.16 per scaricare le slide proiettate nella presentazione ufficiale del progetto Industria 4.0

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

25 novembre 2020

thyssenkrupp-Liberty Steel: trattativa possibile

Secondo l’agenzia Reuters il gruppo tedesco potrebbe dare accesso ai libri contabili della divisione siderurgica

di Marco Torricelli

25 novembre 2020

Il punto con siderweb

Continua la cavalcata dei coils. Sul destino di ArcelorMittal Italia ancora poche certezze

di Redazione Siderweb

25 novembre 2020

Ex ilva: la "vera" trattativa inizierà dopo il 30 novembre

I sindacati ribadiscono che l’accordo «a zero esuberi» si farà dopo il confronto sulle scelte industriali e ambientali

di Davide Lorenzini

25 novembre 2020

AFV Beltrame: capitali freschi per la Romania

5 milioni di euro dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, Carlo Beltrame: «La produzione cresce»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola
A cura di Marco Torricelli

Ricrea: con “Yes I Can” la differenziata a scuola

Il progetto promosso dal Consorzio con Gruppo Feralpi e siderweb racconta ai ragazzi l’importanza del riciclo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali