Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Effetto coronavirus sulle Borse mondiali

Forti ribassi generalizzati e perdite pesanti per le azioni europee e statunitensi: meglio le asiatiche

lettura-notizia

Non era difficile immaginare che la settimana si sarebbe conclusa con un forte ribasso delle quotazioni dello Steel Stock Index trascinato dal ribasso generalizzato dei principali listini mondiali, e, in particolare europei ed americani. Lo Steel Stock Index di siderweb perde il 15,3%, peggio rispetto al -12% degli indici EuroStoxx e Dow Jones mentre perdite più contenute per l’indice azionario di Shangai che lascia sul terreno solo il 5,2%. Un’unica società nel paniere di 57 azioni ha chiuso la settimana in positivo, perdite pesanti per le azioni europee e statunitensi, leggermente meglio per i gruppi del sud est asiatico e Cina.

undefined

Top e flop

La settimana si caratterizza per il propagarsi del numero di infetti da coronavirus che hanno raggiunto l’Italia, l’Europa, gli Stati Uniti ed altre nazioni determinando il panico sui mercati azionari. Gli analisti infatti si mostrano timorosi sulla crescita economica dell’anno se il virus dovesse espandersi ed intensificarsi, pertanto non c’è mercato e titolo che resista alle vendite. L’unico rendimento positivo del paniere di aziende siderurgiche è di Arabian Pipes che avanza del 2%. Contenute anche le perdite per le società del sud est asiatico: China Steel perde solo lo 0,9% seguita dalla cinese Hesteel con un -2,6%. Quest’ultima aveva destato l’attenzione dei media ad inizio febbraio in quanto, per la prima volta, il gruppo ha acquistato, e quindi importato, minerale di ferro dalla brasiliana Vale pagando l’accordo in Yuan.

Il peggior rendimento settimanale spetta alla canadese Stelco che perde il 25,6%. Nuovi casi di coronavirus in Canada fanno precipitare le quotazioni del titolo dopo che i risultati del quarto trimestre 2019 hanno mostrato perdite importanti a causa delle difficili condizioni di mercato. Stelco afferma di aver chiuso il terzo trimestre 2019 con una perdita di 24 milioni di dollari canadesi con ricavi di vendita a 435 milioni, in ribasso di oltre il 30% rispetto ai ricavi dello stesso periodo del 2018. Il Ceo del gruppo afferma che la società sta apportando modifiche per il rendere il business più sostenibile preferendo prodotti ad elevato valore aggiunto.  Secondo posto per la francese Vallourec che perde il 20,4% seguita dalla statunitense AK Steel Holding con -18,1%. AK Steel Holding prosegue la fase di ribasso intrapresa intorno al 19 febbraio dopo i deludenti risultati del quarto trimestre 2019. Aumento dei costi e declino dei ricavi di vendita hanno determinato la compressione dell’Ebitda che passa dall’8,1% del Q4 2018 al 3,3% del 2019. Il risultato finale si traduce quindi in una perdita di 35 milioni di dollari rispetto all’utile di 48 milioni dello stesso periodo del 2018.

undefined

Sotto la lente

Sotto la lente della settimana tyssenkrupp (-11,6%). Il gruppo tedesco annuncia di aver concluso l’accordo di vendita per la divisione ascensori per un valore di 17 miliardi di euro al consorzio di offerenti composto da Advent, Cinven e RAG foundation. La Ceo del gruppo tedesco dichiara che con la vendita del segmento ascensori (il più redditizio del gruppo) verrà ridotto l’indebitamento societario investendo nello sviluppo delle restanti divisioni.

Made in Italy

Pesante la settimana anche per le due società siderurgiche italiane. Il crollo dei mercati e, in particolare, delle quotazioni del petrolio impattano fortemente su Tenaris che indietreggia del 12,8%. Più contenuta la perdita di Danieli che si attesta a -6,5%. 

undefined

 

 


Coronavirus, Alessandro Banzato: «Temo recessione»

Il presidente di Federacciai chiede «una grande stagione di investimenti pubblici e abbattere la burocrazia»

di Davide Lorenzini

Acciaio & coronavirus: le reazioni dal mondo

Più colpiti Cina, Giappone ed Iran. L’India intravede possibilità di crescita

di Stefano Ferrari

Coronavirus: la Cina reagisce con le obbligazioni

Baosteel ne emetterà per circa 430 milioni di dollari per far fronte alle difficoltà finanziare causate dall’epidemia

di Marco Torricelli

“PANorami”: coronavirus, Italia ed Europa divise?

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

thyssenkrupp: venduta Elevator per 17,2 miliardi

A comprare un consorzio composto da Advent, Cinven e RAG-Stiftung. Ora la palla passa all’antitrust

di Marco Torricelli

Entro il 13 marzo si chiude l’operazione Cliffs - AK Steel

L’azienda mineraria e il produttore siderurgico americano puntano a nuove sinergie

di Davide Lorenzini

Vallourec: «Entrate in crescita del 10%»

Nel trimestre «sono state di 1.060 milioni di euro, mentre l’Ebitda ha raggiunto gli 84 milioni»

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Signori si nasce, cretini si muore”

Zazà (dal film, Signori si nasce di Mario Mattòli)

DOSSIER

Dossier

Futura Expo 2023

Acciaio ancora protagonista di sostenibilità

ARTICOLI SIMILI

Coronavirus, Alessandro Banzato: «Temo recessione»

Il presidente di Federacciai chiede «una grande stagione di investimenti pubblici e abbattere la burocrazia»

di Davide Lorenzini

Acciaio & coronavirus: le reazioni dal mondo

Più colpiti Cina, Giappone ed Iran. L’India intravede possibilità di crescita

di Stefano Ferrari

Coronavirus: la Cina reagisce con le obbligazioni

Baosteel ne emetterà per circa 430 milioni di dollari per far fronte alle difficoltà finanziare causate dall’epidemia

di Marco Torricelli

“PANorami”: coronavirus, Italia ed Europa divise?

L’appuntamento con l’attualità nella video-rubrica curata da Massimiliano Panarari

di Massimiliano Panarari

thyssenkrupp: venduta Elevator per 17,2 miliardi

A comprare un consorzio composto da Advent, Cinven e RAG-Stiftung. Ora la palla passa all’antitrust

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale wire & Tube 2024

L'edizione 2024 del wire & Tube raccontata attraverso approfondimenti, immagini e interviste agli operatori raccolte in fiera dalla redazione di siderweb.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»
A cura di Federico Fusca

RICREA: «Superato approccio ideologico della normativa imballaggi Ue»

Una sola richiesta: «Uniformare i sistemi di calcolo delle quantità riciclate per raggiungere i target comuni»