Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Gruppo Lucefin avanti con speciali e commodities

Da Made in Steel l'Ad Buzzi rilancia la sfida. «Su la marginalità nel 2017, ma attenzione alla carenza di materiale»

Versione stampabile

RHO (MI) - Il Gruppo Lucefin di Cividate Camuno (Bs) cresce nei primi mesi del 2017 e punta ad aumentare la marginalità nell’arco dell’anno.

«C’è però un aspetto delicato in questo periodo ed è l’approvvigionamento della materia prima - spiega da Made in Steel l’amministratore delegato Giorgio Buzzi -. Nel nostro settore i fornitori principali sono italiani e, con A.Fer.Pi. assente e la Leali Steel che non ha ancora trovato un nuovo proprietario, ci troviamo con carenza di materiale. Ciò è dovuto anche ad una politica di approvvigionamento dei clienti diversa dal passato, dato che nessuno fa più stock e tutti lavorano just in time».

Strutturato sia per la produzione di prodotti speciali che di commodities, il Gruppo Lucefin punta forte su entrambi i campi.

«Migliorare il processo permette di creare utili anche con i prodotti a bassa marginalità  - spiega Buzzi -, mentre, per gli acciai speciali, controlli e trattamenti termici la fanno da padrone. Qui bisogna però stare attenti perché, se da un lato possono darti grandi soddisfazioni, dall’altro la produzione deve essere remunerata».

Al capitolo Industria 4.0 Buzzi sottolinea come «il gruppo sia quindici anni che si muove in questa direzione. A settembre invece entrerà in funzione l’ultimo cingolo sulla linea in Tre Valli Acciai per la produzione di tondi ed esagoni».

In corso anche valutazioni su nuove tipologie di cottura. Un cardine del business del gruppo rimane sempre il personale, «sia in sede di formazione di quello interno sia d’inserimento di nuove risorse, rigorosamente under 35», così come centrali rimangono comunicazione e visibilità. «Proprio per questo abbiamo deciso di venire a Made in Steel, al contrario di alcuni nostri competitor - spiega l’ad -. Siamo molto soddisfatti della scelta perché in tre giorni abbiamo parlato con più di duecento clienti».

ARTICOLI CORRELATI

  • 19 maggio 2017

    Castellan Maria, salgono volumi e marginalità

    Da Made in Steel l'ad Walter Korcz traccia un quadro positivo dei primi mesi del 2017

  • 19 maggio 2017

    Pipex: spiragli di ottimismo per il futuro

    Da Made in Steel l'Ad Luigi Cuzzolin commenta un inizio di anno positivo

  • 19 maggio 2017

    A Made in Steel l'accordo per un nuovo forno

    Forni Industriali Bendotti consegnerà l'impianto a Ferriera Alto Milanese

Lascia un Commento



“Il successo è raggiungere quello che vuoi. La felicità è volere ciò che hai”

Dale Carnegie

DOSSIER

La strada verso l’acciaio del futuro

Le strategie a medio termine dei grandi gruppi siderurgici mondiali

19 giugno 2017
USA: il rischio di una guerra geo - economica
Archivio dossier

ULTIME NEWS

NSSMC punta sull’ultra-resistenziale

Il gruppo giapponese installerà una linea continua di zincatura a caldo per la produzione di 33mila tonnellate al mese

Partnership tra Vallourec e l’ucraina Interpipe

L’obiettivo annunciato è produrre tubi ss non-OCTG per il mercato europeo

Ori Martin, verticalizzazione e qualità

Giovanni Marinoni e Roberto De Miranda: investimenti continui e ricerca per essere vicino ai clienti

Acciaierie Venete: centro di ricerca a Padova

Banzato: «2017 positivo, Ebitda all’11%»

Altre News

MERCATI

Billette

Quotazioni stabili

Tondo c.a.

Consumi interni al palo

Vergella

Buona domanda

Altre analisi

SPECIALI

Speciali

speciale dazi USA

L’import-export di acciaio USA, prima e dopo (con l’analisi delle possibili conseguenze) l’applicazione dei dazi al 25% su alcuni prodotti siderurgici

Altri Speciali