Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Altri video di Prezzi dell'acciaio


Lascia un Commento


  • Commento utente

    Bud

    Ci si avvicina al Natale e si inizia a fare shopping...

  • Commento utente

    Bud

    Belle idee! Funzionano e sono utili

  • Commento utente

    stefano.dallaglio

    Concordo con quanto espresso da Manni. Sono concetti che ho espresso, anche pubblicamente, fin dallo scorso aprile(es. Outlook Siderweb). Indipendentemente dall'evoluzione (o involuzione) dei prezzi nei prossimi mesi, l'entità dell'annunciato incremento degli extra delle travi è talmente esigua, rispetto ai valori, in su e in giù, degli ultimi 12 mesi, che assume una valenza insignificante. Potrebbero aumentare gli extra ma potrebbe diminuire la base. A favore delle acciaierie resterebbe "solo" il modesto vantaggio di un maggior valore "ufficiale e intangibile", ma la leva del prezzo è la base.

  • Commento utente

    STEELFREE

    Si tratta evidentemente di un'azione di puro protezionismo messa in atto da federacciai per creare problemi agli importatori da paesi terzi. Non può essere messa sotto una questione di tutela della salute: lo facciamo solo noi in Italia e la salute di tedeschi e francesi è meno importante? Perderemo ulteriormente competitività a favore dei nostri vicini. La questione ha risvolti di illegittimità: l'Italia non può prendere posizioni in rapporto al commercio internazionale singolarmente e non di concerto con gli altri paesi U.E.. La questione della radioatività si deve verificare a monte degli altoforni (ecco perchè il rottame) quando la si scopre su di una bramma è già troppo tardi e questo anche e prima di tutto nell'interesse dell'azienda siderurgica produttrice, sia essa cinese od ukraina.

  • Commento utente

    Maria Pisanu

    Minerale di ferro

  • Commento utente

    Maria Pisanu

    Minerale di Ferro

  • Commento utente

    stefano.dallaglio

    Ammirazione e congratulazioni al Cav. Arvedi per la sua lungimiranza e per il suo coraggio

  • Commento utente

    Luigi Cuzzolin

    Caro Mapelli credo che la tua analisi oltre che essere comprensibile il che non è scontato visto il dilagare del politichese è lucida professionale e da me completamente condivisibile. Complimenti.

  • Commento utente

    cvsv

    Lucchini fgaefgraerhrtghstgrh efWEFwrgaethrath

  • Commento utente

    castore

    finalmente!!! ma di solito questa tanto attesa nota di mercato non viene emanata da assofermet i primi giorni del mese??? forse aspettavano che i prezzi terminassero la discesa? non sarebbe meglio che un'associazione avesse sempre un atteggiamento obbiettivo e lucido sull'evoluzione del mercato, evitando al contrario inopportune strumentalizzazioni?! sarebbe forse in tal modo piu' credibile!!!

  • Commento utente

    Luigi Cuzzolin

    una bella riflessione complimenti

  • Commento utente

    stefano.dallaglio

    Solo il 2 settembre - due giorni lavorativi orsono - il presidente di Nuovo Campsider affermava, attraverso il vostro sito ".....è opinione comune che questo movimento rialzista non sia destinato a durare a lungo" Che sintonia di vedute! E filiera nella confusione più totale sul da farsi. Credo che, dopo aver riportato due opinioni così autorevoli e così contrastanti, sia doveroso (e suggerisco di)organizzare un focus urgente e portare un po' di chiarezza per i lettori di Siderweb.

  • Commento utente

    Luigi Cuzzolin

    bravo come sempre

  • Commento utente

    stefano.dallaglio

    C'è chi dice che il "timido" rimbalzo potrebbe verificarsi ai primi di novembre..... C'è chi dice entro la fine dell'anno..... C'è chi dice all'inizio del 2011..... Se c'è chi l'ha previsto entro l'estate 2011 uno o l'altro forse l'azzeccheranno.

  • Commento utente

    castore

    "A marzo si verifichera'......".Oramai marzo è storia!!!Al 15 del mese le, chiamiamole pure, "previsioni" per marzo sono per lo meno tardive!!! i sigg di Assofermet ci dovrebbero dire cosa potra' succedere nell'imminente mese di Aprile, se desiderano fare previsioni!!!

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Sig. Mauro, la ringraziamo per aver raccolto il nostro invito ad un confronto «aperto» e schietto sulla situazione attuale e, forse ancora più importante, sulle prospettive future dell'economia italiana e del comparto siderurgico. Ciò che mi pare di comprendere dal suo commento è che il futuro sarà figlio di un insieme complesso di azioni che tanto la politica, tanto l'imprenditoria, dovrà mettere in campo. Ad oggi, quindi, le sembrano plausibili le previsioni discretamente ottimistiche pubblicate? Grazie nuovamente per il suo prezioso contributo.

  • Commento utente

    mazzarano

    la parte più rilevante del mio intervento era la presentazione dell'Osservatorio Tecnologico italiano sulla Siderurgia Sostenibile (OTISS), iniziativa attesa e supportata dai principali operatori siderurgici locali.

  • Commento utente

    snoopy

    bel collegament!

  • Commento utente

    mafalda

    il 12/13 giugno avremo la possibilità di esprimerci democraticamente andando a votare per il referendum. Si tratta di una scelta seria e responsabile. Partiamo da noi, anziché attendere i politici.

  • Commento utente

    stefano.dallaglio

    Felicitazioni e auguri Laura!

  • Fabio Rocca

    Taylor

    Mi piacerebbe capire cosa è successo tra l'EBIT ed il NET RESULT

  • Commento utente

    mafalda

    e magari anche per le complicazioni burocratiche, le inflitrazioni mafiose, una classe imprenditoriale e politica inette, per nulla all'altezza delle sfide imposte dal mercato globale; l'assoluta mancanza di rispetto delle regole, ecc...

  • Commento utente

    Pierluigi

    Da qualche tempo leggo gli interventi del Sig.Carlini,e devo dire che sono molto daccordo sul suo modo di analizzare la situazione e sulle sue conclusioni.Il Suo "tener conto" dell'interesse della comunità e non solo del privato è il fondamento per poter proseguire in modo corretto e sereno il cammino.

  • Commento utente

    Giorgio

    buona sera. vorrei se possibile informazioni in merito al gruppo di acquisto

  • Commento utente

    Pierluigi

    Il "clima" di collaborazione sociale descritto dal Sig.carlini l'ho anch'io riscontrato più volte in U.S.A.,ed è stato uno degli elementi chi mi ha affascinato.La sostanziale differenza tra l'approccio alla discussione Tra Noi e loro è che qui si discute per avere ragione,da Loro per trovare la soluzione migliore.Molti Ns.politici "lavorano" solo per essere rieletti,non per il bene Nazionale.

  • Commento utente

    Pierluigi

    Vedo che non sono l'unico a ritenere che la Cina è seduta su di una pericolosa bomba,e lo penso e lo dico da qualche anno.Devono stare attenti a non far nascere un nuovo Mao.....

  • Commento utente

    marcoc74

    La DISeducazione e ignoranza indotta negli Italiani ha origine negli anni '70 con un inesorabile e studiato declino della scuola. Stiamo solo vedendo il culmine (ma non ancora il fondo) di una propaganda che cerca potere abbagliando con chimere e consumismo. Davvero qualcuno pensa che se ci fosse ancora la Lira la cultura e comprensione dell'Economia sarebbe maggiore della conoscenza del calcio e del Lotto? Il problema non è lo strumento, ma l'uomo.

  • Commento utente

    marcoc74

    Una certa dose di diplomazia è utile nella vita, in qualunque settore. Purtroppo però in nome della diplomazia e della paura di urtare chi ci sta di fronte, troppo spesso idee giuste cedono di fronte alla prepotenza di chi invece se ne frega del proprio interlocutore. In questo modo proprio lo Stato, le Istituzioni, le Banche continuano ad avere buon gioco ed imporsi con richieste ed imposizioni accettate "per amore di pace". Così l'inverno non finirà mai...

  • Fabio Rocca

    Taylor

    Non direi che la nostra vita politica sia stata affidata ai "tecnici" per eccesso di litigiosità tra i "politici", non mi sembra proprio. Piuttosto direi che il "non agire", il non decidere o il decidere di non fare niente, atteggiamenti spesso tipicamente "politici", abbia comportato l'affidarsi ai "tecnici". Non sarebbero mai entrati in scena se i "politici" non avessero fallito.Inoltre non direi "purtroppo" riguardo all'avvento dei "tecnici". Se penso a ciò che sarebbe potuto accadere, e forse non l'abbiamo ancora scampata, durante l'amministrazione dei "politici"...

  • Commento utente

    marcoc74

    Se davvero il problema è la mancanza di una classe imprenditoriale, mentre i dirigenti sono professionisti degni di tale nome, allora adottiamo il modello comunista... Non si può paragonare un'imprenditore del dopoguerra con uno di oggi, sono cambiate troppe cose e troppo radicalmente. Pretendere che sia l'imprenditore ad educare i dipendenti perchè "(cit.)...viviamo in una società opulenta e viziata..." e quindi quando assumo un 40enne ha una lista infinita di "diritti" che pensa di poter imporre all'azienda, significa stravolgere il ruolo dell'impresa nella società. Nulla impedisce di provarci, ma è impresa destianta a fallire. Come sta fallendo oggi il modello italiano (e consumistico in genere). L'educazione inizia dalla culla, e non basta essere bravi motivatori in azienda per avere persone affidabili ed efficienti... perchè se arriviamo ad svere solo l'1% delle persone selezionate con caratteristiche simili, non c'è personale sufficiente per mandare avanti l'economia. Serve una "rivoluzione" sociale a tutti i livelli se vogliamo uscirne, e non è compito che può fare l'impresa al suo interno quando intorno troppi remano contro.

  • Commento utente

    marcoc74

    Temo di avere una forte confusione su cosa intende Lei per "educazione". Quando Lei dice "(cit.)...viviamo in una società opulenta e viziata che richiede una successione di attenzioni per poter dare l’ovvio..." parla di un problema che và ben oltre la formazione e la motivazione in azienda. Sta parlando di un problema sociale. Scaricarlo sulle aziende non porta necessariamente il fallimento della stessa (che lo persegue finchè riesce, dopodichè cercherà di spostarsi in Paesi dove il problema è minore o ha costi minori per poter sopravvivere) ma sicuramente porta al fallimento di un'intera Nazione. Perdiamo professionalità, inventiva e capacità produttiva perchè "mio figlio non deve faticare quanto ho faticato io" (come ho sentito dire troppe volte). Crede davvero che LE AZIENDE (non una in particolare, ma l'insieme del settore produttivo italiano) abbiano al loro interno il dovere o la possibilità di prendere nuovi dipendenti che sono disaffezionati al lavoro ed educarli (come dice Lei) rendendoli nuovamente affezionati al lavoro? E che questo funzioni su larga scala? Quando tutt'intorno il messaggio del consumismo e dell'opportunismo non solo viene promulgato, ma applicato intensivamente? Forse può riuscire a costruire una azienda in cui la selezione ha raccolto coloro che possono raccolgiere la Sua "educazione", ma per risolvere il problema nel sociale ci vogliono soluzioni nel sociale. Quelle soluzioni percui il settore produttivo dell'Italia già paga fior di tasse ed imposte, ma che a tutt'oggi non vengono applicate. Le auguro i migliori risultati per il Suo lavoro.

  • Commento utente

    marcoc74

    Ci sarà sempre qualcuno che è insoddisfatto di qualcosa, ma leggendo tra le righe avrà forse notato che il mio non era un puro sfogo di lamentela. Giusto formare e motivare in azienda, ma diventa difficile se si parla di "educare". Ha comunque chiarito il Suo concetto. Tornando al senso dell'intervento, oltre la lamentela c'è il tentativo di stimolare a DARE LE GIUSTE RESPONSABILITA' agli attori del gioco. Come giustamente dice Lei, la delocalizzazione di alcune aziende per servire il nostro mercato ci impoverisce, ma non accade questo dal punto di vista dell'azienda singola. Se restano in questi mercati è perchè hanno un vantaggio comepetitivo che se fossero rimaste in Italia non avrebbero. Ma le politiche che rendono appetibile o concorrenziale lavorare in un Paese piuttosto che in un altro non sono in mano al singolo imprenditore, e neanche alle associazioni di categoria che possono proporre e fare pressione, ma devono sottostare o mediare le posizioni con le parti sociali e la politica. Quindi l'imprenditore dovrebbe avere un ruolo ben preciso quando svolge il suo lavoro. Altri dovranno farsi carico delle loro responsabilità e svolgere il loro lavoro, o fallire (come capita al "cattivo" imprenditore). Il fatto è che ha mai visto un politico, un sindacalista, un dipendente andare in fallimento? Percui si ha la visione distorta che tutta la responsabilità debba addossarsela chi in effetti rischia del suo, perchè è l'unico "fallibile" su cui si può fare pressione perchè FACCIA le cose. Bhè, molti imprenditori sani e capaci continuano a lavorare anche in queste condizioni con spesso enormi rinunce, ma questo modello sta portando al fallimento del Paese. Togliere responsabilità a chi le ha, non alleggerisce il peso del fardello (o per chi è cattolico della Croce), ma toglie opportunità di crescita (o per chi è cattolico, la redenzione). Mentre caricarsi di responsabilità di altri rende eroi (morti). Spero di essermi espresso in modo sufficientemente chiaro. Buon Lavoro

  • Commento utente

    marcoc74

    Intervento tardivo, tempi biblici (15 mesi). Con questa politica siamo destinati al fallimento, purtroppo.

  • Commento utente

    mafalda

    "il suicidio si conferma ancora come una fuga dalla realtà." si tratta di un'affermazione banale e offensiva, totalmente priva della tanto sbandierata empatia. che senso ha scrivere un simile articolo? bastava frequentare un bar per sentire tali perle di saggezza.

  • Commento utente

    mafalda

    Evidentemente è lei che non sa di che cosa sta parlando. Dire a un aspirante suicida morire è una vigliaccata, investendolo pure di una responsabilità morale superiore, non solo è una banalità ma è controproducente perché lo carica di un ulteriore fardello che non è evidentemente in grado di sopportare. Un lavoro utile con gli imprenditori in difficoltà lo sta facendo Terraferma, promosso da Imprese che Resistono. Dia piuttosto questo tipo d’ informazioni, se vuole essere di un qualche aiuto.

  • Commento utente

    Emmesse

    Concordo è giusto che vengano scritti i Nominativi delle persone e delle Società che hanno operato la truffa, infatti oggi sul quotidiano di Varese LA PROVINCIA c'è un articolo che evidenzia anche i nominativi delle persone interessata alla truffa

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gentili Stv e Emmesse, solo ora abbiamo reperito e verificato i nomi degli idagati all'articolo di riferimento che per tanto provvediamo ad indicare: Sono l’avvocato Maurizio Quaranta, 41 anni, presidente del collegio dei garanti della Confesercenti di Como, indicato come «promotore e l’organizzatore» dagli inquirenti. Ad essere arrestato inoltre anche Valentino Montepeloso, 48 anni di Mariano Comense, ad della R.S.Commerce.

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Siderweb il 15/06/2012 alle 13.06 ha scritto: Gentili Stv e Emmesse, solo ora abbiamo reperito e verificato i nomi degli idagati all'articolo di riferimento che per tanto provvediamo ad indicare: Sono l’avvocato Maurizio Quaranta, 41 anni, presidente del collegio dei garanti della Confesercenti di Como, indicato come «promotore e l’organizzatore» dagli inquirenti. Ad essere arrestato inoltre anche Valentino Montepeloso, 48 anni di Mariano Comense, Gianfranco di Silvio, 57 anni di Cardano al Campo, Silvio Alessandro Broggini 44 anni di Gallarate, Agostino Arcetti 49 anni residente a Caronno Pertusella, Dario Morabito di Caronno Pertusella, Luca Meneghin 31 anni di Seveso, Giuseppe Renzo Giampieron 60 anni di Villafranca Padovana, Angelo Terenghi 69 anni di Arcore, Giovanni Rota 53 anni di Ranica, Marco Sappa 53 anni Di Borgosesia e Gabriele Cortini 40 anni di Trecatate.

  • Commento utente

    Emmesse

    AVETE ERRONEAMENTO SCRITTO UN COGNOME Non si chiama Giuseppe Renzo Giampieron 60 anni di Villafranca Padovana ma il cognome corretto è ZAMPIERON dell'omonima società padovana

  • Commento utente

    castore

    "atteso riequilibrio del mercato a luglio"?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?!?! "regime di maggiore equilibrio"?!?!?!?!?!?! "si ritroverà punto di supporto delle quotazioni"?!?!?!?!!?!?!?!?!?!?!?!?!!? RIDICOLI!!!!!!!!!.....E POCO CREDIBILI!!! COME AL SOLITO

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gentile lettore il nome non è ancora stato reso noto dagli inqueirenti essendo inoltre l'idagato in stato di libertà.

  • Commento utente

    marcoc74

    http://www.siderweb.com/mercati/analisi/1/rottame.html Probabilmente non ci capisco nulla io, ma mi pare che ci si contraddica.

  • Commento utente

    Pierluigi

    Complimenti,ci mancava un'iniziativa così "Talebana",nel frattempo il governo,dopo aver ucciso circa 80.000 posti di lavoro nel settore fotovoltaico con il quinto conto energia cosa sta fecendo? Proclami,ma intanto l'ilva si ferma. Chissa se un giorno qualcuno ci spieghierà queste situazioni,....ho dei dubbi!

  • Commento utente

    contadino

    Bello, vero, illuminante, saggio. Aggettivi per l'articolo di Morandi. Ogni cittadino con voglia di ragionare dovrebbe chiedersi in che Paese vive. Primo, un PM, UNO, non un collegio supportato da un team, di esperti, mette in scacco un pezzo fondamentale dell'industria nazionale, senza che nessuno, neppure un Ministro possa limitare questo strapotere. Fra qualche settimana accadrà magari che un collegio di giudici dirà che non c'era niente di vero; e non sarebbe la prima volta che accade. "Esagerato il provvedimento di fine luglio" mi sembra già di vedere i titoli, ma intanto l'immagine Italia si è ulteriormente deteriorata nel mondo Occidentale, e i danni si misureranno nei prossimi decenni sul piano economico ed occupazionale. Secondo, ma se l'Ilva a Taranto ha creato tanti danni ambientali, lo Stato dov'era? Mica l'Ilva si sarà messa ad inquinare lo scorso anno. E quand'era di proprietà dello Stato ed era praticamente fallita ed era una voragine che divorava soldi pubbici, cioè nostri e pure dei tarantini, l'Ilva non inquinava? Allora perchè non si è messo mano prima, negli anni e si è arrivati a questi eccessi? Come al solito lo Stato è distratto finché la situazione arriva al punto che andarla colpire arreca grande pubblicità per pochi ma tanti danni per tutti. Il problema Ilva è drammatico perché è la metafora italiana dello Stato che continua ad essere forte coi deboli e debole coi forti; indipendentemente che a comandare ci siano i politicanti o i tecnici. E intanto la disoccupazione cresce, la povertà pure, i giovani se ne andranno tutti e qui rimarranno soltanto vecchi senza pensione. Grazie politica. Grazie professori.

  • Commento utente

    contadino

    Bravo dott. Carlini. Le sue analisi, come sempre, mi mandano in sollucchero (sarà perchè centrano al millimetro ciò che penso da tempo). Mi permetto solo di chiederle: chi, si era illuso che globalizzazione e delocalizzazione, mantenendo in occidente solo finanza e comando non lo avrebbe impoverito? Sono almeno 40 anni che sento mio padre (85 anni ex operaio) dire che automazione e aziende che se ne vanno ci avrebbero impoverito. E dire che mio padre non sa neppure dove stia di casa la Bocconi; altro che averla frequentata. Che poi i nostri politici non se ne siano ancora accorti ciò è dovuto a tre fattori: loro distacco dal paese reale, loro ignoranza scolastica di massa (e le figuracce che fanno alle iene o a striscia la notizia sono la prova più facile), loro disonesta difesa dell'interesse proprio. La Cina è una bomba sociale? Anche questo era ed è facile da prevedere. Non è che con tutto questo pò pò di sovrastruttura che abbiamo rapidamente affardellato negli ultimi 20 anni, ci ritroveremo in meno di mezzo secolo con un ritorno alla signorie rinascimentali e alle spalle una bella guerra tra stati europei in un contesto di guerra mondiale? Lei che ne pensa? Speriamo proprio di no, perchè in quel caso sarebbe sempre la povera gente a rimetterci, però ..........

  • Commento utente

    Braveheart

    I giudici devono applicare le norme. Le norme sono prodotte da un parlamento marcio, in mano alla peggiore classe politica, il che ha richiesto un governo "tecnico" bancario. I risultati sono questi: nessuna sensata politica industriale accetterebbe la situazione dell'Ilva oggi. Per assurdo la chiusura è controproducente anche per l'ambiente: se l'azienda cessa nessuno ha più i fondi per fare le bonifiche e l'inquinamento rimane in carico alla comunità. A Brescia ne abbiamo un esempio clamoroso con valori 100 volte più alti di Taranto.

  • Commento utente

    marcoc74

    L'età non è un valore nè un disvalore. Molto meglio sarebbe parlare di capacità e di merito una volta per tutte. E in questo penso che l'esperienza sia un potente sostegno, certamente. Ma se età, esperienza e titoli di studio fossero veramente valori sufficienti a guidare altre persone, il nostro Governo dovrebbe portarci a prosperare... invece stanno usando la stessa regola ormai consolidata (dall'esperienza?): <<mungi la vacca finchè puoi, poi dissanguala>>. Forse nella loro esperienza manca lo studio della storia, che gli faccia capire che se dissangui la società, si corre veso il declino e poi "la vacca" (cioè chi produce ricchezza) muore o scappa, arrivando al tracollo. Buona giornata

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Proprio non capisco la reticenza dei "nostri" a "conquistare" il nord Africa. Sempre più verso un inesorabile declino...

  • Commento utente

    biagio

    in questo Paese, non è più possibile fare impresa, di certo si deve coniugare sviluppo ed ambiente, ma con queste ultime vicende, si mette in ginocchio l'intera industria e filiera dell'acciaio in Italia. Chi si preoccupa delle piccole e medie Aziende che vivono grazie al calmiere ILVA?

  • Commento utente

    marcoc74

    "...come se mancassero le idee per gestire questa società." Sottoscivo 1000 volte questo, oltre a condividere in generale l'articolo.

  • Commento utente

    biagio

    ora è certo che i prezzi non aumenteranno!

  • Commento utente

    GRUPPO ALS

    Parrebbe che la concentrazione Metallurgica Piemontese-Orsi non abbia funzionato. Le ultime notizie accennano al fatto che verrà chiuso uno o più stabilimenti/magazzini in quel di Manta (CN)!Forse la nuova SpA non ha retto la crisi e soprattutto la forte esposizione finanziaria della famiglia Orsi nonostante la solidità del Gruppo Ferrero/Metallurgica Piemontese? Certo che la "Orsi sas" prima della fusione conduceva una politica commerciale poco remunerativa se non addirittura deleteria e nel contempo si esponeva finanziariamente accedendo al credito senza poter compensare le due partite. Che ne sarà di quella fetta di mercato? Me lo chiedo come ex cliente Orsi,vecchia guardia, e come operatore del settore della carpenteria metallica e della verniciatura industriale. p.Gruppo ALS Srl Il Responsabile Commerciale

  • Commento utente

    marcoc74

    Buongiorno. Forse ho difficoltà io con l’italiano, ma non riesco a capire chiaramente la sua posizione e le sue “deduzioni” sugli argomenti trattati. Il mio parere è fortemente a favore di un riadeguamento della mentalità al mondo che ci troviamo ad affrontare oggi. Dobbiamo proteggere il lavoro, non il lavoratore. Dobbiamo spingere la formazione, non la scolarizzazione. Quindi, riguardo il sindacato che difende il lavoratore indifendibile, continua a scoraggiare chi il lavoro lo crea (sia esso multinazionale, imprenditore o lavoratore serio) e difendere invece chi specula o vive alle spalle di chi produce. Riguardo la scuola che rifiuta l’autorizzazione alla gita a New York, vorrei capire quale attività formativa verrebbe svolta. Non mi interessa cosa dice il sindacato, ma avendo meno di 40 anni e due figli alle superiori ho una esperienza recente di gite scolastiche. Finora non ne ho vista nessuna che abbia un reale e serio scopo formativo, bensì diventa l’occasione di fuga e divertimento del “gruppo classe”. Senza parlare dei giorni saltati per manifestazioni, scioperi dei docenti o degli studenti, caldaie rotte percui si salta lezione (io lavoro normalmente a temperatura ambiente, che oggi vuole dire da -4°C a 0°C). Quando a partire dalla scuola si perde il senso dell’impegno, del sacrificio premiato dalla valutazione positiva (un ottimo voto) e allo stesso tempo del fallimento segnalato dalla valutazione negativa (l’insufficienza), della necessità di produrre qualcosa nell’immediato e per il proprio futuro (la formazione), rimangono la difesa del proprio diritto al tempo libero, al divertimento, al voto politico, alla comodità ed al certificato scolastico (che vale meno della carta su cui è stampato). E questi disvalori vengono portati poi nel resto della vita come base formativa. Perché non è vero che oggi la scuola non insegna… ogni bambino nasce come un’anfora vuota che si riempie con il tempo, E DI QUALCOSA SI RIEMPIE COMUNQUE! Se non ci sono cose buone da metterci dentro, ci finiranno quelle cattive. Buon lavoro

  • Commento utente

    marcoc74

    Fino a 10 mesi orsono ero convinto che nessuno affrontasse i problemi dell'Italia, ed ero deciso a rifiutare il mio consenso alla attuale classe politica che mi aveva deluso (uso un eufemismo delicato). Ad Agosto ho letto il manifesto di un nuovo movimento il cui nome è "Fermare il declino" che si presentarà alle prossime elezioni (se ce la fanno a raccogliere le firme). Non risponde a tutte le sue domande, ma ad alcune sì. E da quello che vedo sono gli unici che vogliono una rottura con il passato costruttiva (anche altri vogliono rompere con il passato, ma cosa vogliono costruire?). Ora sto pensando se vale la pena votare per qualcuno. Non voglio fare pubblicità e rischiare di farmi bannare, nè un comizio politico non essendo un militante quindi mi limito a notare che qualche tentativo di cambiare c'è. Se questo resterà nelle intenzioni o si tradurrà in realtà dipende dalle capacità di chi guida questi movimenti e dal supporto che troveranno da parte degli italiani. Buon lavoro.

  • Commento utente

    Braveheart

    Il problema degli insoluti deriva da una crisi di liquidità strutturale in un sistema che lavora in perdita per coprire almeno parzialmente i costi fissi. La situazione non migliorerà fino a quando l'offerta non si sarà ridotta a livelli più omogenei rispetto alla domanda. A questo si aggiunge la riforma della legge fallimentare entrata in vigore a settembre che apre un'autostrada agli imprenditori che vogliano "congelare" il proprio debito pregresso col c.d. "preconcordato" (solo a Brescia negli ultimi 4 mesi del 2012 le richieste sono state 81, contro i 21 concordati totali del 2011). Tempi duri per i buoni.

  • Commento utente

    Emmesse

    Bravi ottima idea, siete sempre all'avanguardia, ci vediamo a Made in Steel Mario

  • Commento utente

    Emmesse

    Il Prof Carlini la vede lunga circa la comunicazione, il mondo è cambiato volenti o nolenti e bisogna sapersi adattare al cambiamento, altrimenti si verrà spazzati via, vedi cosa diceva Charles Darwin circa la Teoria dell'Evoluzione delle SPECIE, non sopravviverà il più FORTE, non soppravviverà il più BRAVO ma sopravviverà solamente chi si SAPRA' ADATTARE AL CAMBIAMENTO. Grazie Prof Carlini per i tuoi bellissimi spunti che ci permettono di fare delle considerazioni e di ragionare a lungo periodo

  • Commento utente

    logicsped

    Complimenti!!! sempre presenti dalla prima edizione ad oggi. Logic Sped sempre più internazionale con la nuova creatura Logic Polska grazie anche a MADE IN STEEL 2013. Alla prossima edizione sempre più determinati e vincenti!

  • Commento utente

    marcoc74

    Forse causa ricerca di troppa semplificazione, ma non ho capito il senso... Le assicurazioni nel settore stanno perdendo soldi in questo periodo? Dopo che hanno tagliato dal 70 al 100% i fidi? Solo perchè stanno prendendo dei sinistri? In Italia o all'estero? Due delle 4 di cui parla sono praticamente multinazionali che quindi non vanno in crisi per i problemi dell'Italia, dato che i fidi li hanno ridotti all'osso nel nostro Paese (per usare un'eufemismo). Tantopiù che dopo anni di utili importanti possono sopportare un periodo difficile, sennò si perde il senso primo dell'assicurazione di accumulare nei periodi buoni (senza sinistri) per superare i momenti difficili (quando i sinistri ci sono). Riguardo alla condizione della giustizia civile in Italia d'accordissimo con Lei. Ma salvo che mi dimostri che i bilanci 2012 (di cui non ho ancora notizia) delle assicurazioni hanno perdite pari agli utili degli ultimi cinque anni, non mi risulta che le assicurazioni siano a rischio, almeno non come categoria (salvo cioè casi di malagestione).

  • Commento utente

    Pierluigi

    Il momento non è certo dei migliori per le Assicurazioni,ma non dimentichiamo che in realtà servono veramente solo se si ha un grosso sinistro.Infatti le denunce di piccoli sinistri (10-20.000 Euro ecc.)vengono si rimborsate,ma tra Aumenti di premio Malus e quote annuali alla fine si spende la stessa cifra degli insoluti subiti.Quindi non è vero che ci stanno rimettendo tutto le assicurazioni.La loro funzione primaria,ora,dal mio punto di vista,è l'informazione che danno sulla solvibilità o meno del cliente che,per quanto rigorosa,è comunque più attendibile di altri tipi di informazioni date da società che non si espongono poi con eventuali rimborsi.

  • Commento utente

    marcoc74

    Quello che vedo dal mio piccolo osservatorio è che non tutto il mercato siderurgico è assicurato, e questo è per le assicurazioni motivo di "preoccupazione". Mi baso su deduzioni mie, sono un imprenditore e non lavoro dentro le assicurazioni, ma quello che ho visto e sentito mi fa pensare quanto segue. Le assicurazioni di settore sono cresciute in dimensioni anche grazie alle caratteristiche del settore, non ho i numeri, ma Lei saprà meglio di me quanto il settore siderurgico pesa sul PIL europeo (e mondiale). Con la crisi occidentale si sono trovati in una situazione difficile, dove l'assicurazione vuole ridurre il rischio mantenendo gli utili. Per fare questo ha due strumenti principali: aumentare la base di assicurato e migliorare il controllo della filiera. Entrambi però si ottengono con la stessa strategia: assicurare tutta la filiera. Se infatti hai contatti col produttore di minerale grezzo, con l'acciaieria, con il laminatore, con il produttore di semilavorato, col commerciante, con il produttore di prodotto finito e assicuri tutti ottieni quanto sopra. Da tutti puoi pretendere le informazioni che richiedi (bilanci infrannuali, andamento della gestione, andamento dei pagamenti, ecc...) in tempo reale (p.es. un'impresa che entra in difficoltà inizierà a tardare i pagamenti e loro lo sanno immediatamente, invece di attendere notizie sui giornali o protesti). Aumentando il controllo riducono la rischiosità escludendo le imprese troppo a rischio... ma dovrebbero ridurre il volume (meno aziende affidate e meno fatturato generale) senonchè allungando la catena di controllo mantengono la base imponibile... riassicurando lo stesso prodotto ogni volta che passa di mano. Se infatti assicuravano un tempo solo le acciaierie, le 1000 tonnellate che vendevano a me pagavano una sola volta l'assicurazione. Se invece assicurano anche me, il commerciante cui vendo i miei tubi, la carpenteria che li lavora e vende la struttura finita quelle 1000 tonnellate vengono assicurate 4 volte (le STESSE tonnellate). Inoltre mentre su un'acciaieria che ha miliardi di fatturato ottengono percentuali di premio basse, scendendo a clienti con minore volume e potere contrattuale aumentano i premi, aumentando la marginalità. Miracoli della finanza, sembra la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Quello che vedo io di sbagliato in questo è che una volta che le assicurazioni abbiano davvero in mano tutta la filiera, saranno loro a decidere chi lavora e chi no, esattamente con quel rating di cui si parla anche nell'articolo. Sono infatti loro a decidere su quali parametri ed in quale maniera aumenta o diminuisce l'affidabilità di un'impresa o di un settore industriale. Le recenti accuse verso le agenzie di rating (Standard and Poor’s, Moody’s, ecc…) sono un segnale di come manche sensibilità e conoscenza dei meccanismi legati a questi poteri di giudizio. In tutto questo non ci sarebbe nulla di male comunque, senonchè si sta permettendo che la finanza si sostituisca alle istituzioni. Infatti io non devo essere protetto nel mio credito dalla assicurazione, ma da un sistema legislativo e giudiziario che pago con le tasse e che deve permettermi di valutare il mio rischio imprenditoriale (compresi insoluti e tardati pagamenti) invece di permettere storture su cui ora non mi dilungo oltre. A mio parere quindi quello che scricchiola è ancora una volta il mercato ed il sistema di base, quello che crea ricchezza: il settore primario e secondario che troppo spesso sono trascurati in virtù di quel terziario. Così ci troviamo con storture di mercato cui l’imprenditore cerca di rimediare sul breve-medio periodo ricorrendo a strumenti come l’assicurazione. Perchè questo non accada in altri settori dipende probabilmente dalla struttura anche del rapporto costi/benefici/utili. Se infatti nel grosso del mercato dell’acciaio si sono ridotti i margini all’estremo, prendersi anche il rischio di mancato pagamento diventa insostenibile… ecco che allora anche chi fino a qualche anno fa non pensava alla assicurazione come strumento utilizzabile oggi ne fa uso, perché se 15 anni fa in un mercato con prospettive e marginalità un’azienda poteva sopravvivere al fallimento di un cliente medio-grande, per quanto fosse una sofferenza, oggi le spalle delle aziende sono molto più deboli (e cariche di pesi). Saluti

  • Commento utente

    enrico

    Vi segnalo che la parte finale dell'articolo riguarda l'acciaieria Valsabbia.

  • Commento utente

    marcoc74

    Idee poche, già consunte, ma mai applicate: - azzerare i ritardi dei pagamenti del settore pubblico - semplificazione burocratica, cominciando dalla eliminazione di leggi e leggine parallele (e magari contrastanti) le normative tecniche ormai consolidate in Europa, per continuare con le centinaia di adempimenti che ogni anno ci assilano - riforma del diritto che riguarda i fallimenti per difendere le aziende sane e poter detrarre immediatamente le perdite, anzichè trascinarle nel vortice di un eterno fallimento rimettendoci IVA ed altre imposte - velocità e chiarezza nell'uso dell'antidumping (perchè i coils sì ed il tubo no, ecc...) - riduzione del peso fiscale sul costo del lavoro - flessibilità in entrata ed in uscita del mercato del lavoro Opps... ma forse queste cose non riguardano specificamente il siderurgico... Buon lavoro

  • Commento utente

    biagio

    al peggio non c'è limite, questo è soltanto accanimento contro una Famiglia ed un'azienda che rimane ad operare in Italia, penso che con queste situazioni il Paese diventerà presto da 3°mondo!!!

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Al di là di ogni altra considerazione relativa alle eventuali (a tutt'ora ancora solo presunte) colpe della famiglia Riva, è sempre più chiaro che la situazione che va dipanandosi sottendeva da sempre un disegno incomprensibile, forse un definitivo avvio del cambio paradigmatico dello scenario siderurgico italiano, o addirittura europeo. Pazzesco! Pazzesco e vergognoso, si gioca con quasi 25.000 famiglie e si rischia davvero di fare espolodere una vera e propria "bomba" civile. Complimenti all'Italia, sempre prima nei peggiori scenari di questi ultimi anni.

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Che vergogna! Che pietà! Che orribile realtà! Queste le prime considerazioni che emergono leggendo quanto qui si esprime. Non riesco a credere ci sia tanto ottundimento e non sopporto il gioco dell'arrocco che rischia ancora una volta, ancora di più, di allontanare i pochi player internazionali che avrebbero già deciso di investire nel nostro paese, nel nostro settore soffocato e stritolato dalle difficoltà della congiuntura internazionale e fisiologica in cui da troppo ci troviamo. Basta! Adesso basta! Certe compagini anacronistiche devono rendersi davvero conto che va radicalmente rivalutata ogni posizione, ogni condizione. Va ripensato il sistema! Personalmente sono per una difesa vigorosa dei diritti dei lavoratori, ma prima bisogna aver chiaro il quadro che si sta guardando e nel quale si sta agendo. Signori, non siamo più negli anni settanta! Il mondo globale ha imposto nuove regole. Che piacciano o no, questa è la realtà. La competitività e l'attrattiva di un paese passano anche attraverso una rinnovata capacità analitica ed il coraggio di accettare che certi poteri ormai hanno soverchiato altri. Questa non è l'epica epopea di Don Quichotte, dialogo e mediazione devono essere le prime qualità di quanti pretendono di fronteggiare giganti, ma pagheranno (pagheremo) lo scotto di ridicole battaglie contro i mulini. Di questo passo, ridotti a romantici rottami non avremo più nemmeno un misero miraggio da combattere.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Fa il paio con la promessa fatta dal Gatto e dalla Volpe a Pinocchio: metti le tue monete in un buco nel Campo dei Miracoli, innaffiale, e domattina troverai un albero carico di monete! "preserveremo la competitività"... Ha-Ha-Ha-Ha!

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    -190,4 -160.7 = - 351,1 Milioni di Euro di perdite in 2 anni... E 160 Milioni + accollo di parte dei debiti a Seitovirta sembra poco!? Dovrebbe vendere subito, e col fiocco. A meno che non sia tutto un bluff.

  • Commento utente

    marcoc74

    Bel banco di studio... complimenti alla imprenditoria che riesce in questi tempi a crescere. Piccolo spunto e provocazione: se oggi questa impresa può permettersi di fare a meno del credito bancario, di assumere e investire rischiando su mercati nuovi, non è magari perchè dietro quei "50 mila euro in meno di dividendi" c'è semplicemente una mentalità di lavoro e risparmio che le ha permesso di crescere a piccoli passi, con solidità e moderazione? Davvero il modello "crescita indefinita (e infinita)" non ha ancora dimostrato di essere autodistruttivo? Penso ci sia da meditare...

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Non so se l'errore sia vostro o della WSA (e allora sarebbe gravissimo). Voi scrivete che la variazione nel Nord America riferita al 2013 sul 2012 (primi 5 mesi) è del +17,8%. A me, sommando i dati nazionali, risulta invece un -6,2%. Potete gentilmente verificare e (se del caso) rettificare? Grazie.

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Rettificato, il problema era legato alla funzione di somma di Excel i dati sono stati corretti.

  • Commento utente

    marcoc74

    (cit.)"...situazioni che da profani potrebbero essere affrontate con sanzioni «meno impattanti» rispetto ad un sequestro e uno stop produttivo...". E' da molto che i piccoli imprenditori lo sanno e lo dicono, anche nelle Associazioni. Ma se a lamentarsi è un piccolo che i 2-15 dipendenti li fa lavorare comunque in altro reparto, o chiude i battenti, diventa un numero e nessuno ne parla (soprattutto i giornali). Ora che la follia amministrativa/legislativa/giudiziaria è irrecuperabile e colpisce anche i grandi diventa una notizia. Ormai è tardi per tornare indietro, passeremo per un nuovo Medioevo prima di rifondare le Istituzioni.

  • Commento utente

    marcoc74

    Domanda: I vicini di casa non si possono ignorare a lungo... e se questi vicini hanno come politica (se non come obiettivo) la "conquista del Mondo" (derivante anche da una lettura distorta della cultura religiosa, e per questo fortemente radicata) e lo applicano con azioni economico/commerciali pesanti, come comportarci? Nella dicotomia del vicinato amico/nemico la strada del mondo occidentale è quella di farseli amici (a giudicare dagli accordi commerciali e l'allargamento della Comunità Europea). Ma se non sono buoni amici, o se non condividono i nostri valori, dobbiamo considerarli invece nemici? E quindi quali provvedimenti utilizzare? Dobbiamo tornare a protezionismo dei nostri prodotti e barriere doganali forti?

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    ...Ma ha sposato Cristina D'Avena???

  • Commento utente

    marcoc74

    La mia era una domanda, non una provocazione... Ma se non vuole rispondere, liberissimo

  • Commento utente

    marcoc74

    Come dire che il medico può curare il raffreddore sparando al malato... e poi c'è ancora qualcuno che si stupisce se l'Italia non risulta attraente.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Questo già era previsto sin dall'inizio. Il problema è che, di rinvio in rinvio, nessuno sa più quando sia la "scadenza dei termini". Si continua con l'aria fritta.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Bene! Ora siamo tutti rassicurati. Ne riparliamo a metà settembre (come dice Arvedi); o entro fine anno (come dice Pucci); o entro la scadenza (?) stabilita inderogabilmente (come dice la Commissione Europea).

  • Commento utente

    id

    prova per provare

  • Commento utente

    id

    prova i commenti

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    La solita aria fritta...

  • Commento utente

    Emmesse

    Tanti Tanti cari auguri Davide, auguro a te e signora tutto il meglio Con affetto MS

  • Commento utente

    marcoc74

    Io continuo a pensare (come da anni, ormai) che parlare di crisi/ripresa sia fuori dalla realtà... il Mondo e l'Economia sono cambiati su scala globale, ma questo cambio di paradigma non viene assorbito dagli occidentali che dovrebbero ammettere un ridimensionamento del consumismo sfrenato cui abbiamo assistito per anni. Molti dovrebbero tirare la cinghia, forse qualcuno (pochi) avrà gli spazi per fiorire e svilupparsi... Continuare a fare le cicale ci porterà a morire agonizzando lentamente, mentre le formiche aspettano pronte a riciclare il nostro cadavere. Basta mantenere spese inutili e infruttifere.

  • Commento utente

    Fulvio

    Addio grande Steno ! Durante la mia vita professionale ho avuto l'onore di conoscere un imprenditore straordinario, che ha saputo dotare la sua missione imprenditoriale di una non consueta dose di umanità e umiltà.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Sig. Marcoc74, la ringraziamo per aver contribuito, fornendo la sua opinione, a tracciare il profilo delle aspettative e delle considerazioni macroeconomiche degli operatori del comparto siderurgico. Cercheremo di realizzare un dossier che racchiuda al meglio tutte le vostre osservazioni.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Sig. Marcoc74, la ringraziamo per aver contribuito, fornendo la sua opinione, a tracciare il profilo delle aspettative e delle considerazioni macroeconomiche degli operatori del comparto siderurgico. Cercheremo di realizzare un dossier che racchiuda al meglio tutte le vostre osservazioni.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Sig. Marcoc74, la ringraziamo per aver contribuito, fornendo la sua opinione, a tracciare il profilo delle aspettative e delle considerazioni macroeconomiche degli operatori del comparto siderurgico. Cercheremo di realizzare un dossier che racchiuda al meglio tutte le vostre osservazioni.

  • Commento utente

    marcoc74

    Mi sembra che il titolo contrasti con i contenuti...

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Marcoc74, la ringraziamo per la puntuale segnalazione, che abbiamo provveduto a correggere.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    La vera "novità" sarebbe la rivelazione della Reuters circa lo slittamento a Marzo 2014 per la cessione... Alla faccia del "7 Novembre data ultima" indicata dal pesidente della provincia di Terni Polli solo 4 giorni prima... Situazione di incertezza buona solo per Outokumpu, non certo per AST.

  • Commento utente

    marcoc74

    1) I magistrati non studiano ragioneria, spesso non conoscono neanche la legge (non è una scusante, ma una spiegazione che indica la tragicità della situazione) 2) Non facendo raginamenti teorici (a causa di 1) pensano che sequestrare i contanti ed i conti correnti sia facile perchè sono disponibili e certi, mentre i crediti bisogna presumibilmente incassarli (cosa che nella loro visione contorta deve fare l'azienda in quanto "roba loro") e quindi richiedono lavoro per ottenerli. 3) Se non credete ad 1) e 2) consiglio di aprire gli occhi e affrontare qualche causa in tribunale.

  • Commento utente

    marcoc74

    Addio siderurgia italiana. Con questo ci hanno messo l'ennesima etichetta negativa in ambito internazionale. Le acciaierie europee ringraziano.

  • Emanuele Morandi

    Emanuele Morandi

    Capisco la spiegazione logica 1) ma, come te, continuo a non condividere. Ogni azione genera una serie di effetti che ognuno di noi dovrebbe "ragionevolmente" almeno cercare di prevedere. Perchè il sonno della ragione, come diceva Francisco Goya, genera solo mostri. E questa vicenda dimostra quanto Goya avesse RAGIONE :-)

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Almunia è un politico. Come tale è abituato a vestire di parole di circostanza una situazione che di fatto è in stallo totale. Da questa parte poi abbiamo Gianni Letta, il Principe del rinvio a data da destinarsi... Difficile essere ottimisti.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Leonardo Da Vinci, la ringrazio a nome della redazione per il suo commento e per la sua sempre vivace partecipazione alla nostra community. La sua perplessità - come si evince dal testo - è, a nostro avviso, fortemente fondata. Ottimisti? Ci proviamo, ma non è sempre facile...

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Kekkonen, la ringrazio a nome della redazione per la sua partecipazione. La decisione di pubblicare questo articolo è stata presa per informare i lettori della vicenda che sta coinvolgendo questa azienda della filiera, senza esprimere giudizi di merito, ma riportando in maniera fedele gli sviluppi della vicenda giudiziaria che l'ha coinvolta, così come riferito da «Il Corriere della Sera». Condividiamo, però, al contempo con lei perplessità rispetto alle ripercussioni che tale indagine ha inflitto ad una realtà produttiva e sana, come sottolineato nell'articolo. Ci auguriamo che questa vicenda possa trovare una svolta positiva per l'azienda, riportandola alla normalità dettata dall'attività produttiva. Cordialità.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    La ripresa arriverà nel 2015... Così parlò Zaratustra. Tosini, hai imparato dai politici? La ripresa ce la dobbiamo costruire noi! Ha ragione Polotti: basta con il politically correct! Vi ho visti tutti rassegnati, e questo è quello che fa più male: se gli imprenditori dell'acciaio perdono la voglia di combattere la fine dell'Italia come paese industriale è molto vicina. Ci vuole un nuovo piano Marshall, dobbiamo chiedere deroghe pesanti al Fiscal Compact per un periodo minimo di 5 anni per spese di investimento. Si deve tagliare il cuneo fiscale portandolo da subito al livello medio europeo, lasciando i soldi in tasca ai consumatori, perché senza domanda non c'è mercato, e senza mercato non si investe e non si crea nuova occupazione.

  • Paolo Morandi

    Paolo Morandi (Siderweb)

    Grazie Daniele per il commento, anch'io sono del parere che tassare un settore di così importante impatto sull'economia nazionale non sia una mossa intelligente.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    A fronte di un Patrimonio Netto (in continua erosione) di 75 Milioni di euro a fine 2012 e dei 200 Milioni di euro di perdite realizzate negli ultimi due anni la proposta appare equilibrata.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Abbiamo il dovere di essere ottimisti. Ogni altro approccio alternativo, compreso quello realistico, in questo momento sarebbe controproducente. <grazie per la sua risposta!

  • Gianfranco Tosini

    Gianfranco Tosini (Siderweb)

    Non sono Zaratustra né il mago Otelma, ma resto convinto che nel 2015 si rafforzeranno i segnali di ripresa che progressivamente si evidenzieranno nel 2014. Questo non significa che tutti i settori la sentiranno nella stessa maniera e, all'interno di uno stesso settore, ci saranno imprese che ne beneficeranno più di altre, in funzione del loro posizionamento sul mercato. E' evidente che i settori e le imprese maggiormente dipendenti dalla domanda interna e/o con prodotti più esposti alla competitività di prezzo da parte dei paesi emergenti la sentiranno di meno. D'altra parte la situazione attuale rispecchia questa dicotomia: ci sono imprese, anche del settore siderurgico, che in presenza di una domanda stagnante sono riuscite ad aumentare i propri fatturati e a rimanere su livelli di redditività soddisfacenti, altre invece che hanno subito forti contrazioni di fatturato e un calo sensibile della redditività. Alla base di queste differenze ci sono ovviamente posizionamenti diversi in termini di specializzazione produttiva e di mercati di sbocco. Sperare che nei prossimi anni si possa crescere tutti puntando sulla riduzione dei vincoli di bilancio, su riduzioni della tassazione e del cuneo fiscale per riportarci ai livelli dei paesi più virtuosi e varare fantomatici Piani Marshall mi sembra una pia illusione. La riduzione dei vincoli di bilancio presuppone la condivisione da parte degli altri partner comunitari dei nostri problemi e delle terapie di intervento da noi proposte alternative a quelle che loro ci hanno imposto. In assenza di questa condivisione di obiettivi e strategie di intervento, l'alternativa è l'abbattimento del debito pubblico e questo lo si può ottenere in tempi brevi solo rinegoziando tale debito con i creditori (consolidamento del debito). Questo intervento, ammesso che i creditori siano d'accordo, ridurrebbe l'onere del debito lasciando spazio per una riduzione significativa della tassazione e del cuneo fiscale e per il rilancio della domanda interna. Che questo rilancio corrisponda ad un Piano Marshall ne dubito perché il suddetto Piano ai tempi vide l'intervento massiccio e determinante degli Stati Uniti. Considerato che in questo momento gli Stati Uniti devono pensare a salvare se stessi, non vedo chi potrebbero essere i "cavalieri bianchi" disposti ad aiutarci. Quello che vedo aggirarsi sull'Italia sono purtroppo dei "corvi neri" pronti ad aggredire una preda ormai allo stremo e debilitata al punto di non vedere che il mondo continua a crescere nonostante le difficoltà.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Masser, ringraziandola per aver attivamente contribuito alla nostra community attraverso la sua attenta lettura prima, e il suo commento poi, mi permetto di specificare che quanto appare nell'articolo a cui si riferisce deriva dalla relazione diramata dall'Istat e nella quale non sono presenti i dati distinti tra metalli ferrosi e non ferrosi. E', però, una buona notizia la sua ventata positiva rispetto al comparto siderurgico! A presto.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Grazie per la risposta. Lei mi onora. Il consolidamento del debito, tesi sostenuta tra altri dal Prof. Savona, sarebbe la via più onesta per ammettere che un rientro verso il 60% debito/pil in vent'anni, come previsto dal Fiscal Compact, non sia assolutamente ipotizzabile in tempi di recessione. Il parlamento Europeo, proprio in questi giorni sta valutando opportune deroghe per investimenti pubblici in infrastrutture e innovazione. Le dico la mia: taglio serio delle spese correnti, riportandole da subito a livello 2011, e nell'arco di 5 anni a livello benchmark medio europeo. Ricalcolo delle pensioni "retributive" sopra i 3.500 euro netti/mese con il sistema "contributivo" (risparmio minimo strutturale 7 Miliardi/anno). Dimezzamento da subito di tutti i compensi per organi rappresentativi dello Stato, delle Regioni, delle Provincie e dei Comuni (1,5 Miliardi di risparmio strutturale). Emissione di 100 Miliardi di euro di titoli riservati da collocare, anche forzosamente, se del caso, presso le Banche Italiane. I proventi, affidati alla gestione commissariale di persona di onestà cristallina (Enrico Bondi?)destinati a finanziare il taglio del cuneo fiscale e contributivo per portarlo immediatamente a livello medio europeo e forti agevolazioni agli investimenti. E con l'Europa ci parliamo, non da servi tremabondi, ma da Padri della Cultura, dell'Arte e della Storia (come Grecia, Francia e Spagna). Insomma, occorrono attributi e visione, non fine tuning che invece non farebbe altro che accompagnarci una dolce morte.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Il dato in forte incremento nei Paesi Bassi credo andrebbe associato ai dati Import extra europeo. Non essendo presenti in Olanda e Lussemburgo siti produttivi di particolare rilievo per i piani inox (ed essendo il Belgio analizzato a parte)si potrebbe dedurre che trattasi di materiale da Rotterdam, giunto da "oltre mare", da aree dove la valuta di riferimento è il Dollaro. Quindi si potrebbe ampliare l'effetto nefasto di un Euro troppo forte (stamane 1,3820...)

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    L'ho già letto, e lo consiglio. Sono brevi storie che andrebbero raccontate ai nostri figli, per educarli alla cultura del riciclo. Un bravo alla famiglia Fiori.

  • Commento utente

    Pierluigi

    Complimenti Andrea

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Mi immagino con quale entusiasmo i tedeschi, nel momento in cui cedono il nuovissimo stabilimento di Calvert in Alabama, rientrano in AST. È finita in burletta, con la Commissione Europea che mantiene i 4 players (e la faccia). Credo che per fare marcia indietro i tedeschi abbiano ottenuto qualcosa, e credo anche di sapere chi sarà destinato a pagare il conto...

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Daniele, grazie per il suo contributo. Stiamo assistendo, ora dopo ora, a proposte aziendali e dichiarazioni istituzionali che conferiscono tinte sempre più fosche alla vicenda e che sembrano convergere verso la sua visione. Non resta che stare a guardare.

  • Commento utente

    Filippo Aghemio

    Buongiorno Signor Ferrari! Cosa intende per [...] Tra le novità dell'edizione, si segnala l'allargamento al settore delle molle [...] ? Ci vado dal 2000 proprio perché trovo tutte le trafilerie del settore molle... ...ma se ci fosse davvero qualcosa di specifico in più, mi ragguaglierebbe? Grazie

  • Commento utente

    Emmesse

    Come sempre il Prof Carlo Mapelli dimostra di essere una persona all'altezza della situazione e molto preparata, purtroppo siamo in Italia, e nel nostro paese "FARE SQUADRA" è un concetto che noi italiani reputiamo lontano dal nostro modo di agire, mi auguro che finalmente questa profonda crisi che ci ha colpito e che tuttora permane, ci faccia aprire gli occhi e.........ci guidi a un cambiamento di mentalità!!!

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Concordo sui troppi rumor relativi all'Ilva e ribadisco che l'azienda è ancora dei Riva, l'ultima parola spetta a loro. E' inutile che si voglia comprare se la proprietà non vuole vendere. Davide Lorenzini

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Riportiamo un commento postato su linkedin da Giancarlo Znidercic: "Mah!Anche "quanto rende?" non è un granchè! Meglio: quanto è cresciuto? Lo schema che propone, non me ne voglia, è un po' anacronistico: le domande 1 e 2 stanno alla base di un rapporto di lavoro vista l'esistenza di un CCNL e, normalmente, di regolamenti interni. Nel 1990 Alberto Galgano, nel suo libro sulla qualità totale, parlava di "people building". Il fattore umano, non è una risorsa per l'azienda, ma è la risorsa più importante per un'azienda. Altro paio di maniche è il costo del personale, parzialmente legato alla produttività, ma un gestore di risorse umane questo dovrebbe saperlo. Tutti gli aspetti vanno valutati a 360°, senza bisogno di offendersi ..."

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Daniele, la ringraziamo per il suo commento. Mi trova in pieno accordo con lei: spesso, infatti, una decisione potrebbe avere un peso inferiore del momento stesso in cui viene presa.

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Ben scritto! Concordo pienamente con la visione espressa.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Refuso sul FeCr... "al di sopra del dollaro la libbra" è la dicitura corretta.

  • Commento utente

    marcoc74

    Quella che descrive come una "colpa" c'è da chiedersi se non sia invece l'effetto della "selezione naturale" dell'ambiente Italia. Sarebbe una spiegazione al motivo percui molti dei più dinamici e coraggiosi sono "fuggiti" lasciando i più conservatori e padronali a vivere un Paese gattopardiano dove cambiano le facce ma non il trend delle tasse e della burocrazia. Cambiare "testa" forse porterebbe quella impresa famigliare a cambiare Paese? Buon lavoro.

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    C'è un chiaro colflitto d'interessi tra: gli obiettivi dei Russi, che spingono per il mantenimento del bando all'export, promettendo investimenti da miliardi di dollari in Indonesia, difendendo così Norilsk (il maggior produttore al mondo di nickel raffinato); gli obiettivi dei Cinesi, che vedono il bando all'export come minaccia al mantenimento del vantaggio competitivo dovuto al nickel pig iron. Noi occidentali siamo gli spettatori marginali di questa lotta tra colossi. Chiunque la vinca non ci farà sconti. Surfiamo l'onda, e occhio a non cadere dalla tavola...

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Caro Leonardo sono d'accordo con te e ti ringrazio dell'integrazione alla notizia. Ovviamente queste dinamiche non si possono influenzare, ma capire in che direzione «scorre» la corrente aiuta a cavalcare le onde giuste, ed evitare cadute rovinose. Davide

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Un solo commento possibile: allucinante.

  • Commento utente

    Pierluigi

    Abbiamo un presidente del consiglio di quarant'anni e decine di deputati e senatori giovanissimi e senza esperienza alcuna,....sono d'accordo sul concetto che bisogna "Ringiovanire" la Politica e le posizioni di potere,ma,concordo,con persone che abbiano un'adeguata esperienza.

  • Commento utente

    Emmesse

    Fiorenza il Lancianoi può ancora entrare nei Playoff in quanto è cambiato il regolamento della SERIE B Qest'anno accedono ai palyoff la Terza la Quarta la Quinta la Sesta la Settima e l'Ottava Quindi venerdì il Lanciano vincendo potrebbe accedere ai Playoff

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Molte grazie per la precisazione puntuale, Emmesse. Nell'articolo, infatti, si parlava della necessità di una vittoria del Lanciano per un suo accesso alla post season, ma non del regolamento.

  • Commento utente

    carlo leali

    Il comunicato stampa di IRO, ripreso correttamente dai giornali locali, faceva riferimento anche alle cause che hanno portato l'azienda a fare questa scelta. In particolare si specificava come il costo del Mwh per IRO sia da anni più elevato di quello pagato dai concorrenti di cirna 20 euro/Mwh per effetto della modalità di distribuzione del pagamento delle accise che sevono a finanziare il fotovoltaico e perchè non ha diritto agli sconti sugli oneri di dispacciamento. Il comunicato precisava che in 4 anni IRO ha pagato, in più dei concorrenti, circa 12 milioni di euro che hanno condizionato pesantemente la situazione finanziaria fino a dover ricorrere alla ricapitalizzazione. Mi domando PERCHE' e CHI ha deciso di eliminare questa parte distorcendo l'informazione

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Quale sarebbe la struttura di Federacciai? Ma Federacciai non sarebbe in conflitto d'interesse? Chi rappresenterebbe Ilva o i suoi concorrenti? Magari entrambi, per fissare un buon prezzo concordato sul mercato italiano.

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Davvero? Ma allora Mr Gozzi ha attaccato Bondi per papparsi la preda? Non vi è l'ombra di un conflitto d'interesse?

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Paul e Henry grazie per il contributo. Capire l'effettivo ruolo di Gozzi non è semplice, dato che per quanto risulta si sia interessato all'Ilva sempre come presidente di Federacciai e non in qualitàdi ad Duferco. Inoltre diversamente da Marcegaglia ed Arvedi non ha mai manifestato ufficialmente la volontà di entrare a far parte della compagine Ilva. E' chiaro che il senatore Mucchetti ha maggiori informazioni in questo senso ed è effettivamente il primo, nonostante i numerosi rumor, ad affermare l'interesse diretto della sua azienda. Sicuramente sarà nostra premura chiarire maggiormente il ruolo di Duferco nella vicenda.

  • Commento utente

    biagio

    sarebbe soltanto una catastrofe per tutto il settore e per l'industria Italiana, il sig. Mittal, compera soltanto per chiudere. vedere cosa ha a fatto con Arcelor

  • Commento utente

    Angelo Stefano Agnelli (Managing Director - ArcelorMittal Commercial Italy)

    Tengo a precisare che i valori (10 mlnT) riportati si riferivano al consumo nell' EU28 e che le percentuali riportate di Germania Spagna e Lussemburgo rappresentano il peso di questi paesi nell'import del I trimestre 2014.

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Grazie Salvatore per la puntuale precisazione sul contesto di riferimento

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentile Thomas, la ringraziamo per la comunicazione. Come potrà notare, abbiamo provveduto a correggere l'imprecisione.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Ringrazio entrambi per la condivisione con la nostra community delle vostre opinioni. Ci auguriamo che continuiate a farlo anche in futuro.

  • Commento utente

    Maria Pisanu

    E' possibile avere la serie storica numerica dei dati utilizzati per l'elaborazione dei grafici di cui sopra? Se fosse possibile in Euro/t o in numero indice. Grazie per un vostro riscontro. Cordiali saluti. Maria Pisanu / ASSOFOND

  • Commento utente

    marcoc74

    Noto due "dettagli": (1)nel Mediterraneo oltre i 50 anni ci consideriamo vecchi anche solo per cambiare lavoro (2)qui se fai fare un corso a qualcuno prima di entrare in aula ti chiede l'aumento e neanche esiste che se fallisce lascia il lavoro Quindi difficile far capire (ed accettare) ad un mondo così dinamico e selettivo i nostri (troppi) presupposti e vincoli. Chi è rimasto (per scelta o per cultura) qui si sottopone supinamente a queste regole... e c'è ancora che si chiede perchè molti cerchino fortuna oltre confine.

  • Commento utente

    Giorgio

    Ma non è proprio Tosini che sostiene che il futuro dell'acciaio è il preridotto? Inoltre c'è una sola tecnologia per produrre il preridotto? Anche Corex e Finex producono oltre la ghisa RDI o sbaglio?

  • Gianfranco Tosini

    Gianfranco Tosini (Siderweb)

    Sono convinto che la produzione del preridotto aumenterà nei prossimi anni perché rappresenta una soluzione al problema della compatibilità ambientale della produzione di accio. Tuttavia tale tecnologia può essere applicata convenientemente se ci sono precise condizioni, tra cui la disponibilità di gas a costi economici convenienti, vale a dire a prezzi di cui attualmente possono beneficiare solo alcuni paesi: India, Iram, Qatar, Russia, USA, che hanno risorse energetiche in abbondanza e quindi a prezzi bassi. In Europa questa condizione oggi non c'è e quindi il preridotto può essere utilizzato se prodotto nei paesi sopraccitati. Voestalpine, che ha deciso di utilizzare il preridotto, lo produce negli USA e si è detta disponibile a venderlo anche ad operatori siderurgici europei che lo vorranno utilizzare. In questo caso il costo del preridotto dovrà essere maggiorato delle spese di trasporto e per essere conveniente dovrà essere confrontato con il costo di produzione di acciao da rottame (elettrosiderurgia) o da minerale e carbon coke (altoforno). Nel calcolo di convenenienza dovranno essere considerati i minori "costi ambientali" consentiti dalla tecnologia che utilizza il preridotto rispetto ai maggiori costi ambientali delle tecnologie tradizionali.l

  • Commento utente

    sidereus

    Il costo della billetta nel 2013 (quanto meno in Italia) è stato di gran lunga superiore alle cifre indicate

  • Commento utente

    sidereus

    Grazie della precisazione, adesso tutto torna. Cordiali saluti

  • Commento utente

    Enrico 82

    Perché Marcegaglia non riconosce un minimo di aumento alle ditte di autotrasporto ??? Risulta la società con il più basso indice di gradimento tra chi gli offre un servizio o una prestazione.poi loro alzano i listini e cercano consensi in giro per il mondo. Le società serie in Italia ormai non ci sono più !

  • Commento utente

    Enrico 82

    Perché Marcegaglia non riconosce un minimo di aumento alle ditte di autotrasporto ??? Risulta la società con il più basso indice di gradimento tra chi gli offre un servizio o una prestazione.poi loro alzano i listini e cercano consensi in giro per il mondo. Le società serie in Italia ormai non ci sono più !

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gentile lettore, nei prossimi giorni proveremo a fornirle gli elementi richiesti, sicuramente a livello europeo e per gli Stati Uniti non dovrebbero esserci problemi, da verificare l'accesso ai database dei paesi asiatici

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Per chiarezza e completezza d'informazione: a seguito di quali operazioni il Patrimonio Netto cala da 199 a 181 in presenza di utili netti per 27?

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Vi segnalo che il link ad Aperam riporta a questa pagina...

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Una performance da Guinness dei Primati! Se in tre hanno asportato 250.000 tonnellate di ferro, e in divisa oltretutto! Davide, occhio ai titoli.. ;-)

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gentile Leonardo grazie per la tua pronta osservazione, purtroppo il titolo si è basato su un lancio di agenzia con un refuso che si è trascinato. A trarre ulteriormente in inganno il fatto che il quantitativo potesse essere probabilmente a totale di numerosi furti e non di un unico episodio. Mi scuso per l'imprecisione il quantitativo corretto è 250 tonnellate. Davide Lorenzini

  • Commento utente

    Emmesse

    Faccio a tutti voi i miei più sentiti auguri di Buon Natale!!

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentilissimo Emmesse, accogliamo e ricambiamo con medesimo piacere gli auguri.

  • Commento utente

    Emmesse

    Sarebbe interessante sapere quando sarà pronto il testo del Decreto,come verrà affrontato il problema del pagamento ai Fornitori dell'Ilva

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Se va in straordinaria, i fornitori possono sperare solo nei soldi sequestrati ai Riva: o quelli o nulla! altrimenti la straordinaria a cosa servirebbe?

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Stando a quanto detto da Renzi alle modifiche gli uffici inizieranno a lavorare dal 27 per cui credo che non si saprà prima della prossima settimana Davide

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Come si fa a presentare un piano industriale da 1.5 miliardi di euro in una paginetta? Alla faccia della capacità di sintesi! Non sarebbe corretto chiedere indicazioni più circostanziate visto che anche lo stato sta investendo non pochi quattrini e che Cevital non è stata giudicata proprio del tutto affidabile dal governo francese?

  • Commento utente

    STEELFREE

    Grande Antonio. Tra i migliori uomini dell'acciaio!

  • Commento utente

    Mario Acciaio

    Inoltre a quanto mi risulta senza i bilanci certificati e registrati regolarmente è impossibile accedere alle gare di appalto per commesse importanti come quelle TAP. E non mi sembra proprio il caso di Ilva

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Ma questi ci stanno prendendo in giro? Non è che le istituzioni pubbliche, dopo essersi buttati a pesce su una proposta ora non riescono più a chiarire l'insostenibilità della situazione?!?!? Non è possibile che vogliano staccare degli ordini per luglio e non abbiano neppure il piano industriale a inizio aprile. Ma chi credono di prendere in giro. L'unico paletto che deve mettere il governo è che se non staccano l'ordine del forno in concomitanza con l'atto di cessione quest'ultimo decadrà immediatamente!!! Altrimenti si porteranno via un ottimo porto e garantiranno 200 posti di lavoro su 2200 (senza contare l'indotto).

  • Fabio Rocca

    Taylor

    Su Gozzi nessun dubbio ...

  • Commento utente

    Virginio Telo

    Congratulazioni caro Manuel, per il sito rinnovato e l'impegnativa presentazione. Immaginifica , nel senso più alto e positivo del termine. Buon lavoro!

  • Commento utente

    Alberto Ricciardi

    I miei complimenti sinceri vanno ad Emanuele Morandi e la sua squadra, che con la creazione di Siderweb a acceso una luce su un settore vitale della economia Italiana. Ora a coloro che ne portano la responsabilità l'onore e l'onere di vedere lontano

  • Commento utente

    joker

    ok

  • Commento utente

    alberto bellicini

    molto bello graficamente e certamente più accattivante. L'angolo delle news lo preferivo però nella versione precedente, perché era molto più immediata lo scorrimento dei titoli in ordine cronologico.

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Magari sarebbe il caso di cominciare a dare risposta a qualche domanda posta in modo serio dal giornalista del Corriere, giusto per capire quanto siano seri e non sia una bufala la promessa degli Algerini. A proposito, adesso la firma sembra sia stata spostata a giugno?

  • Commento utente

    donispa donispa

    Don Chisciotte

  • Commento utente

    Bitti ripiti

    ....e mo' son cazzi !

  • Commento utente

    sidereus

    Sarebbe interessante avere anche le formule di previsione, il loro grado di affidabilità, le variabili che vengono considerate per fare la previsione

  • Fabio Rocca

    Taylor

    Chiedo al Prof. Fornasini in funzione delle sue analisi una previsione sul medio periodo del rottame. Quando uscirà dal canale in cui si trova ed in quale direzione. Grazie

  • Commento utente

    feralpisider feralpisider

    buongiorno, come già segnalato ogni volta che entro nel portale mi vengono richieste le credenziali di accesso, se fosse possibile risolvere il problema sarebbe ottimo, grazie e buon lavoro, lorena papa segreteria direzione gruppo feralpi

  • Commento utente

    Conte max

    Francamente non capisco certi prezzi che fanno sul mercato il gruppo Manni. Le possibilità sono due: A) bisogno di vendere a tutti i costi; Oppure B)poca conoscenza del mercato, perché non si possono appiattire i prezzi come stanno facendo, almeno su certi prodotti. Ai lettori l'ardua sentenza...

  • Commento utente

    Raffaele Meles

    Gradirei conoscere il nominativo di qualche produttore di coils di acciai magnetici grazie

  • Fabio Rocca

    Taylor

    riguardo ai coils, si può sapere da quali paesi provengono ed in che misura per ciascuno ?

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    @Taylor ovviamente è possibile avere alcuni dati come la bandiera battuta della nave, il porto di partenza prima dell'arrivo a Marghera e il quantitativo scaricato. Tuttavia questi dati danno solo indicazioni parziali sulla possibile provenienza del carico e per tanto imprecisi. Per valutazioni più accurate si devono utilizzare i codici doganali e la banca dati dell'Istat, che si basano sulle rilevazioni fatte nei documenti commerciali dalle dogane stesse, in cui sono specificate provenienza e destinazione della merce stessa.

  • Commento utente

    alex

    Vorrei segnalare che il termine "stanchezza" indicato nel paragrafo non ha ovviamente nessun riferimento tecnico; azzardo che si volesse indicare lo snervamento. Mi risulta poco comprensibile anche le "stime di forza" indicate poco prima. Cordiali saluti

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gent. mo @Alex ringrazio per la segnalazione effettivamente il termine stanchezza non è del tutto appropriato lo cambio immediatamente con affaticamento, più che snervamento. Per le stime di forza è una traduzione letterale sulla base dei documenti forniti dall'azienda e per tanto non vi sono ulteriori indicazioni in grado di fornire una migliore traduzione.

  • Commento utente

    marcap

    Sono fermamente convinto che una parte della società Italiana sia contro l'impresa. Purtroppo tra questi vi è anche una parte della magistratura e i ripetuti fatti di cronaca lo dimostrano. All'estero molto spesso mi domandano dei fatti Italiani e, oltre all'imbarazzo e alla difficoltà di difendere la nostra reputazione, è spesso complicato far capire cosa succede poiché va oltre la loro capacità di intendere situazioni così assurde. Ritengo che chi possiede determinati poteri dovrebbe aver l'obbligo di viaggiare e confrontarsi con realtà diverse, anche non troppo lontane, per capire com'è oggi il mondo e dove sta andando. Cordiali saluti

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Francamente non credo esista un vero e proprio pregiudizio tout-court, quanto piuttosto la coda di un retaggio ideologico/culturale ancora ben incardinato nelle stanze di alcuni poteri, uno su tutti quello giudiziario, le cui anacronistiche convinzioni precostituite rischiano troppo spesso di dar luogo ad azioni pregiudizievoli. Quindi, il pregiudizio esiste, come è normale che esista, tanto per l'impresa quanto per altre tematiche, il problema qui è la libertà per alcuni di intraprendere e perseguire azioni fondate proprio su preconcetti. W l''Italia.

  • Commento utente

    Conte max

    che dire? Chapeau! Anche il gruppo Manni, leader di mercato è supermercato siderurgico (un po' come la coop) fa più o meno gli stessi risultati, direbbero i loro manager! (Vedasi le interviste qui pubblicate) Ad onor del vero il risultato vero di sicam va visto al netto delle rettifiche della gestione finanziaria. Resta cmque un risultato unico nel panorama siderurgico italiano! Bravi!

  • Commento utente

    Marco Isella

    sto qua è completamente UBRIACO!

  • Stefano Ferrari

    Stefano Ferrari (Siderweb)

    Gentile sig. Isella, Siderweb da sempre incoraggia l'interazione tra utenti ed il commento alle notizie che pubblica. Crediamo che gli interventi dei lettori, anche quando in netto contrasto con le opinioni espresse in un articolo, possano rappresentare una fonte di arricchimento e di riflessione per tutta la community. Quindi, ben vengano i commenti, a patto però che siano espressi con civiltà e che critichino/commentino quanto una persona dice o prevede e non includano "apprezzamenti" sulla persona stessa. La invitiamo, pertanto, ad esprimere il suo dissenso (che appare piuttosto evidente) in una forma diversa, argomentando il suo punto di vista con motivazioni di mercato/strategiche. Certi della sua collaborazione, la salutiamo cordialmente.

  • Commento utente

    HPS

    Dal "cappello introduttivo" della redazione, non si capisce se la notizia sia quella relativa alla conferma (ed allo stato di avanzamento) degli investimenti, oppure se sia quella relativa alla querelle (interna) con il DG .....

  • Commento utente

    prova prova

    ??

  • Commento utente

    HPS

    In questo mondo non vi sono "brands". Ciò che conta è fornire al mercato il prodotto che serve, nel momento in cui serve ed al prezzo di mercato. Quindi : avanti a lavorare a testa bassa per il futuro !

  • Commento utente

    Alberto PETRIN

    Buongiorno, forse c'è un errore riguardo le quantità... sono 40 tons e 25 tons...

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentile Alberto, ringraziamo per la segnalazione e provvediamo immediatamente alla correzione.

  • Commento utente

    golfer

    viva la libera concorrenza.

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Le competenze siderurgiche di chi? Di gente che con le proprie imprese siderurgiche capital intensive continua a perdere, nonostante non debba realizzare un'AIA impegnativa come quella di Taranto? Guardate quanto sono "fiorenti" i bilanci dei siderurgici italiani a partire da Duferdofin (a parte qualche lodevole eccezione: Venete, ABS ecc.)! Sicuramente detto da persone che in Belgio hanno risolto i problemi ambientali chiudendo siti produttivi, le affermazioni sembrano un poco comiche. Chiudiamo con la stessa domanda: le competenze siderurgiche di chi?

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Non sembra proprio la linea di Federacciai (per fortuna!). Intanto i "siderurgici italiani" non li sceglierà Federacciai, non saranno controllati dal presidente di Federacciai, saranno solo italiani (senza Arcelor, portata al tavolo qualche mese fa dall'italianissimo presidente di Federacciai, che ha perso l'aereo il giorno in cui doveva difendere Ilva dall'azione di Eurofer contro Ilva) e non potranno possedere complessivamente più del 20% della new.co. Quindi, Confindustria e Federacciai dovranno fare da spettatori e speriamo che restino, tali visti i disastri provocati dalle loro precedenti azioni o assenze ingiustifcate ai tavoli europei....

  • Commento utente

    Amulio Cipriani

    lieto di poter partecipare a quest'evento. grazie

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentile signor Cipriani, saremo lieti di averla tra i partecipanti all'evento. Cogliamo l'occasione per ricordarle che, per effettuare la registrazione al convegno, è necessario esibire la stampa del biglietto che ha ricevuto via mail, al completamento della procedura di iscrizione. A presto.

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    Cosa dovrebbero riorganizzare? Sopratutto questo Rebrab è inquietante, neppure riorganizza, ma sorveglia la riorganizzazione di un sito produttivo per il quale non hanno neppure ordinato il forno elettrico: si stanno divertendo a portare a spasso le istituzioni pubbliche ed i lavoratori. Un dubbio (che è solo un dubbio): non è che la vicenda Piombino serve a fare da scudo all'esportazione di capitali dall'Algeria e che governo e banca centrale dell'Algeria se ne sono accorti?

  • Commento utente

    Stefano Botti

    Voglio complimentarmi con tutti i relatori. Ho trovato molto interessante i temi affrontati e mi auguro che venagano proposti in futuro convegni analoghi.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentile Stefano, a nome di Siderweb, la ringrazio per le sue parole. Il nostro impegno sarà immutato anche in futuro per cercare di fornire approfondimenti e informazioni che possano risultare strumenti utili per l'attività di tutti i player della filiera siderurgica.

  • Commento utente

    Angelo Stefano Agnelli (Managing Director - ArcelorMittal Commercial Italy)

    Non posso che fare i complimenti a Fondazione Promozione Acciaio per i risultati conseguiti nel corso del primo decennio di attività. Ammirevole il manifesto desiderio di voler superare antiche visioni uscendo da contesti altamente autoreferenziali. Abbiamo tutti bisogno di Fondazione Promozione Acciaio e Fondazione ha bisogno di tutti gli attori del settore.

  • Commento utente

    marcoc74

    Vivissimi auguri e felicitazioni. :-)

  • Commento utente

    Gianbattista Callegari

    BENVENUTA MADDALENA !!

  • Commento utente

    HPS

    Prima o poi, doveva succedere ... Probabilmente è solo l'inizio. Purtroppo.

  • Mauro Franchina

    Dispotore

    Io mi domando e domando ai nostri come sia possibile non aver considerato quest'opportunità fino ad ora??? Sveglia! Sveglia! Sveglia! Il treno è passato da un po'

  • Commento utente

    HPS

    Gli 007 si scatenano ...

  • Commento utente

    HPS

    Come sempre, vale la teoria della relatività : + 30 , a partire da quale livello di prezzo ???

  • Commento utente

    Emmesse

    CHE BELLO!!!! Evviva è arrivato Matteo!! Auguroni alla mamma e al piccolo Matteo Mario

  • Commento utente

    Bitti ripiti

    e mo' son cazzi

  • Commento utente

    HPS

    Vien da pensare " Against all Odds" .....

  • Commento utente

    Bitti ripiti

    e mo' son cazzi

  • Commento utente

    gigi

    La sovra produzione cinese ,ha comportato in un sistema di profondi cambiamenti geo politici, culturali ,che tastiamo ogni giorno nei media , una situazione data dalla loro estrema potenza un indebitamento tale dagli investimenti di 10/15 anni fa che oggi devono essere pagati in un mercato di tutti i settori che non garantisce piu un pil del 22/25 per cento .le obbligazioni che le aziende devono assolvere creeranno un sistema a se stante che portera a mio parere non solo ad un ripensamento del capitalismo cinese , ma ad un abbandono da parte delle aziende che grazie al sistema politico ,erano espatriate per costi e manodopera di bassissima lega ,a tornare in un mercato europeo

  • Commento utente

    HPS

    L'entità degli aumenti dipende anche (e, soprattutto) dall'equilibrio offerta/domanda. Infatti - per esempio - sia sui piani che su alcune categorie di lunghi - si assiste ad un movimento rialzista molto forte, a causa di circostanze per le quali si sono determinate vere e proprie situazioni critiche di shortage. In questi settori, l'energia rialzista resterà tale sino a tutto il 3° trimestre. E' altrettanto ovvio che nei settori dove permane sempre una certa prevalenza di offerta rispetto alla domanda (ad esempio, tondo, laminati e travi) l'energia rialzista è molto meno intensa. Ma questo non significa che il trend possa essere diverso : rialzo meno potente, sempre inesorabile ed inevitabile rialzo. Ricordiamoci che il rottame oggi in Italia non è ancora neppure ritornato ai livelli "pre-schock 2016", ovvero i livelli di Giugno 2015, quindi ....

  • Commento utente

    masser

    I prezzi di mercato , aggrappati come sono all'andamento delle materie prime, risaliranno.

  • Commento utente

    HPS

    In riferimento all'analisi tecnica relativa al prodotto vergella, la parola "ipercomperato" è ovviamente un termine tecnico che non tiene conto della realtà del mercato . Non vi è infatti abbastanza vergella per soddisfare il mercato nel breve periodo, quindi l'aumento ha basi molto solide.

  • Achille Fornasini

    Achille Fornasini

    Grazie per il Suo commento, che mi consente di chiarire la portata di taluni termini tecnici che talvolta sono costretto a utilizzare. In effetti, il termine "ipercomperato" derivato dalla tradizione gergale anglosassone si riferisce unicamente alla posizione assunta dagli indicatori riportati a piè di grafico. Ciò significa che, in questa fase di mercato, si sta osservando un'anomalia evolutiva (eccesso di acquisti che spinge al rialzo i prezzi) rispetto all'andamento precedente. Può dunque essere che l'anomalia persista, esasperandosi sempre di più, proprio per le ragioni "fondamentali" che Ella, a contatto diretto con il mercato della vergella, giustamente rileva. Da parte mia non posso che confermare l'anomalia e l'attesa di una correzione che, prima o poi (non so esattamente quando altrimenti sarei da tempo milionario), contribuirà a riequilibrare il mercato. Per ora prendiamo atto del rialzo e seguiamolo, pronti ad intercettare la correzione quando inizierà a manifestarsi. Buon lavoro e ... alla prossima!

  • Commento utente

    gigi

    Mi spiace asserire che le condizioni economiche reddittuali degli operatori cinesi siano di gran lunga inferiori a quelle dell'occidente. Ora la considerazione da fare in tutti i settori della produzione cinese ,sia di uguaglianza fiscale reddittuale e sia uguale a tutte le caratteristiche fiscali operative legislative assicurative e che rispettino tutte le condizioni aziendali di aziende europee. Si vedra allora che la nostra abilita e capacita di produrre sara meglio di quella cinese e che i cinesi debbano avere pari opportunita e pari condizioni di lavoro a quelli europei o americani. Tutto il resto e storia vecchia

  • Commento utente

    gigi

    Non so chi abbia scritto ,l'articolo,ma come commerciante assolutamente generalista con 28 settori di vendita, a parte i. Forti aumenti del prodotto ,derivati un po da speculazioni e un po da non so che, il battente di lavoro e' poco maggio su aprile la concorrenza e' ormaii allo spasimo ,tutti vogliono fare tutto Forse se i pagamenti da fornitori arrivassero a una media di 40 gg i quantitativi sarebbero minori ma la marginalita sarebbe sicuramente piu alta. Diamoci della dignita' non spaventiamoci per niente e manteniamo le aziende con entusiasmo e non con la classica paura che ci contraddistingue da sempre.

  • Commento utente

    HPS

    I cinesi hanno chiesto aumenti a partire dai primi di Giugno.Siamo nell'ordine dei 15/20 USD/ton. Mica tanto leggeri ... Come sempre, il mercato, quando i prezzi risalgono è distratto, viceversa, quando i prezzi scendono, il mercato della casalinga di Voghera e S.Polo lo conosce in anticipo ...

  • Commento utente

    CLAUDIO GIORGIO FUSARDI

    Grazie Manuel i tuoi Editoriali mi fanno sempre riflettere...Questo particolarmente visto anche il momento appunto.Buone Vacanze a Te e Famiglia

  • Commento utente

    ROBERTO ZANICHELLI

    salve vorrei sapere come si comportera la Volkswagencon le stesse machne vendute in Italia , Europa ? saluti Roberto Zanichelli

  • Commento utente

    ROBERTO ZANICHELLI

    salve vorrei sapere come si comportera la Volkswagencon le stesse machne vendute in Italia , Europa ? saluti Roberto Zanichelli

  • Commento utente

    gigi

    io non capisco una cosa perche i commercianti devono essere cosi cretini da godere quando perdono soldi?

  • Commento utente

    Henry Bessemer

    L'ad Azzi dice che vi erano imprecisioni nell'articolo senza però specificare nel dettaglio quali siano le imprecisioni!!! Dovevano costruire un'acciaieria nuova, non hanno linee i credito e vanno a comperare una acciaieria storica italiana....c'è più i qualche cosa che non torna oltre agli ormai significativi ritari accumulati sul progetto Piombino. Forse i prossimi a occuparsi della vicenda saranno i magistrati.

  • Commento utente

    Emmesse

    Che bello, faccio tanti auguroni a Valentina per la nascita di Lorenzo Evviva!! Mario

  • Commento utente

    Leonardo da Vinci

    Io credo che l'eccesso di "fair play" praticato dalle istituzioni europee, in assenza di reciprocità da parte di Cina e USA (come ben evidenziato da Giannino) esponga il nostro mercato al rischio di far la fine del tacchino nel "giorno del ringraziamento". Anche nel corso di "Bilanci d'Acciaio" si è sostenuta la necessità di essere competitivi per "stare sul mercato" tenendo però ferma la barra europea sulla sostenibilità ambientale (con i costi enormi connessi), laddove Cina e USA (con Trump) disattendono consapevolmente gli obiettivi di COP 21. La concorrenza così sarà falsata in nuce e molto difficilmente (!) sostenibile. Urge una nuova generazione di negoziatori. La diplomazia "a cedere" fa fare bella figura nei consessi, ma alla fine non paga.

  • Commento utente

    HPS

    Ad volere essere pignoli, possiamo aggiungere che - durante gli ultimi 40 giorni si è già assistito ad un aumento pari a 60/70 sui prodotti commodities e di 30/50 sugli altri prodotti. I futuri aumenti andranno quindi ad aggiungersi a questi appena ricordati .

  • Commento utente

    Bitti ripiti

    E mo son cazzi

  • Commento utente

    HPS

    Capitalisti senza capitale.

  • Commento utente

    HPS

    Direi che la situazione analizzata, conferma in pieno l'obiettivo strategico dei dazi, il quale era , ed è , quello di difendere le produzioni europee. Nel 2017 si vedranno in pieno anche gli effetti sulla marginalità delle acciaierie europee e , forse, verrà anche fatto ordine sul mercato, dove - grazie alle importazioni low cost - vi erano molte distorsioni. Questo è un cambiamento epocale, pertanto sarà opportuno che tutta la filiera lo comprenda in pieno al fine di organizzarsi ....

  • Commento utente

    golfer

    forse nell'articolo, c'è un errore!! tutti gli extra di lega in Europa a Febbraio sono aumentati. E' l'oscillazione del Nichel nei giorni 26_27-e 30 gennaio che ha creato una aspettativa di riduzione ma, non su Febbraio, ma su Marzo. Nei giorni seguenti come poi si è visto, il Nichel si è un po' ripreso e se continuerà al livello di oggi la "discesa" per l'effetto Nichel,sarà molto ma molto contenuta e sicuramente compensata dall'aumento dei prezzi base.

  • Commento utente

    eolo

    il giornalista che ha scritto questo articolo non si è posto il dubbio di aver scritto una panzana, in quanto JSW sarebbe il più grande produttore del mondo, con tale produzione

  • Commento utente

    eolo

    è possibile che chi scrive non si accorga degli errori evidenti espressi nell'articolo! è assurdo

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gentile Eolo, la ringrazio per la segnalazione. A tale proposito, la invito cortesemente ad esplicitare a quali errori fa riferimento, al fine di potervi porre tempestivamente rimedio. Grazie per la collaborazione.

  • Fiorenza Bonetti

    Fiorenza Bonetti (Siderweb)

    Gent.mo Eolo, la ringrazio per la segnalazione, grazie alla quale è stato possibile porre rimedio agli errori relativi alle quote produttive. La invitiamo cortesemente a tenere invariata la sua precisa e attenta lettura. Buona giornata.

  • Commento utente

    Emmesse

    Forse c'è un errore nella spiegazione del grafico dove si dice IN GIALLO LE PERFORMANCE IDENTICHE ALLA MEDIA ma il colore giallo non è contemplato Grazie

  • Stefano Ferrari

    Stefano Ferrari (Siderweb)

    Gentile lettore, la spiegazione si riferiva ad entrambi i grafici riportati, sia quello relativo al 2017 sia quello relativo al 2018. Come può notare, nel grafico relativo al 2017 c'è una colonna gialla (beni metallici), in quanto il settore ha una performance identica alla media (+1,9%). Nel grafico relativo al 2018, invece, non c'è alcuna colonna gialla in quanto i settori hanno un andamento o migliore o peggiore della media, ma mai identico ad essa. Cordiali saluti, Stefano Ferrari - Siderweb

  • Stefano Ferrari

    Stefano Ferrari (Siderweb)

    Gentile lettore, la ringrazio del commento. Nei prossimi giorni verificherò la notizia ed aggiornerò la pagina dell'analisi di mercato relativa all'inox. Grazie per il suo contributo.

  • Commento utente

    gigi

    si possono uccidere

  • Commento utente

    gigi

    e ora di finirla con queste pagliacciate all italiana a quel ladro del titolare toglietegli tutto perche c e gente per bene che fatica dalla mattina alla sera e ora che chi sbaglia debba pagare

  • Commento utente

    HPS

    I lavoratori utilizzati come merce di scambio e carne da macello. Questi sono i risultati del "capitalismo famigliare" che ha caratterizzato (ed, ancora caratterizza) la gran parte della siderurgia italiana. Il finale è già scritto : svendita ulteriore e libertà di licenziamento per il "nuovo" acquirente.

  • Commento utente

    biagio

    molto meglio la 'passione'

  • Commento utente

    sd

    qualcuno mi spieghi come funziona il giornalismo. se la Raggi va in bagno, veniamo a saperlo subito e nei particolari. riguardo alle notizie di evasori e bidoni, l'unico nome citato è quello della Guardia di Finanza. capisco, anzi no, la privacy, ma in questo modo è una notizia perfettamente inutile. anzi chiacchera da siderurgico :(

  • Commento utente

    MB

    Per cortesia potete pubblicare una gallery con le 10 immagini finaliste? Ringrazio anticipatamente.

  • Commento utente

    Carlo Maramotti

    I video delle altre foto selezionate saranno disponibili anche on-line, dopo il Made in Steel? Grazie

  • Commento utente

    HPS

    I poteri forti vincono. Come sempre. Da sottolineare l'assordante silenzio della FIOM durante tutta questa vicenda. D'altronde, i poteri forti viaggiano sempre a braccetto,

  • Commento utente

    Franco Polotti

    Andrea Agnelli

  • Commento utente

    Bitti ripiti

    e mo' son cazzi

  • Commento utente

    Mauro Silvestrini

    buongiorno, vorrei sapere se fosse possibile conoscere l'andamento delle quotazioni di tondo e rete da C.A. avvenuto da gennaio a ottobre 2017. Ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti

  • Commento utente

    HPS

    Questo Ministro - che non è un politico - è molto meglio della media degli industriali italiani. Magari potessimo averne di politici come lui, imprenditori come lui .... E' sempre sul pezzo ed è maledettamente concreto.

  • Commento utente

    HPS

    Dall'altro lato, l'impatto delle direttive "antismog" dovrebbe calmierare la produzione e, quindi l'offerta di prodotti per export, con impatto sui prezzi internazionali, i quali dovrebbero pertanto rimanere sostenuti.

  • Commento utente

    HPS

    Roba da STAR TREK ... Ovvero, FANTASCIENZA

  • Commento utente

    Bruno Alfieri

    Ma chi Vi dà queste notizie non corrette ?????

  • Commento utente

    Hps Steel

    E magari andare a visitare un cliente nuovo ? Troppo faticoso ?

  • Commento utente

    Hps Steel

    Calenda : Santo subito !!!

  • Commento utente

    Hps Steel

    Penso che sia una normale fase transitoria di stabilita', ma pensando anche agli effetti dei dazi USA i piani saliranno ulteriormente, come anche confermato dagli illustri interventi durante il vostro convegno della scorsa settimana

  • Commento utente

    Hps Steel

    Soddisfatto, "nonostante il commissario svedese". Ma, soddisfatto.

  • Commento utente

    Hps Steel

    Doverosa riflessione. Entrambi i prodotti , sono inseriti in un ambito rialzista E' ovvio che la vergella speciale , risenta di variazioni piu' ampie, perchè le quotazioni sono sempre su base trimestrale. In ogni caso, da Giugno 2017 ad oggi, la vergella base è salita di 120/150 Eur.....

  • Commento utente

    Hps Steel

    "BOBINE" = Coils ?

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gent.mo HPS STEEL grazie per il suo commento. Come già da lei evidenziato bobine è un sinonimo di coils.

  • Commento utente

    bis

    anche il sig. Pasqualin della bst tubi di carpendolo partecipa alla gara su lancia Aurelia b 20 saluti

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gent.mo BIS grazie per la segnalazione. Per correttezza di informazione la scelta degli equipaggi da inserire nell'articolo si basa sul pilota, il dott. Luciano Pasqualin figura invece come copilota di Jan Joana Van Hoolst che partirà con il numero 378 a bordo di una Lancia Aurelia B20 GT 2500 del 1957. Cordiali Saluti

  • Commento utente

    Hps Steel

    mai contenti ... forse è ora di togliere le immagini sacre di Bertinotti a la Camusso a Piombino ...

  • Commento utente

    Hps Steel

    Egregio Pasquinucci ; i sindacati non hanno mai fatto nulla di realmente concreto durante la vicenda Aferpi... hanno solamente contestato dopo avere accettato l'entrata di una entita' "improbabile" con piani vaghi ed incompleti, come il suo portafoglio e kow how siderurgico .... senza il Ministro Calenda, Piombino sarebbe ancora in ostaggio della "entita'"alla quale avevate svenduto lo stabilimenti in cambio della "piena occupazione". Questa è la verità, caro Pasquinucci.

  • Commento utente

    Hps Steel

    "Vogliamo", "dobbiamo", etc, etc . solito linguaggio Ma dove eravate quando era arrivato l'algerino ???

  • Commento utente

    Mauro Silvestrini

    TRATTANDO IL TONDINO DA C.A. (COMMERCIO E LAVORAZIONE) E TRAVI MI INTERESSA TUTTO CIO' CHE RIGUARDA QUESTI SETTORI. COMUNQUE APPREZZO MOLTO ANCHE TUTTO IL RESTO DEL SERVIZIO CHE VIENE DA SIDER WEB. GRAZIE E BUON LAVORO

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Gentilissimo Mauro grazie per l’apprezzamento dimostrato, se avesse bisogno di informazioni dedicate ai settori di suo interesse non esiti a contattarci, il nostro ufficio studi e la redazione sono a disposizione sua e di tutti gli abbonati.

  • Commento utente

    Dario Invernici

    Ciao, dove posso trovare i prezzi del lamierino magnetico: per esempio 0,5mm di spessore e con perdita magnetica 3,2w/kg ?

  • Commento utente

    gigi

    Riguardo al sondaggio ,le domande sono poste in maniera banale fammi mago e te lo diro A mio parere le variabili sono molte e la stabilita comporta una situazione di mercato stabile

  • Davide Lorenzini

    Davide Lorenzini

    Carissimo Gigi grazie per il suo contributo. Come penso lei sappia quando si propone un sondaggio si cerca di indicare una serie di alternative che volutamente descrivono il quadro più ampio possibile di scenari. Proprio per poter avere nella convergenza di risposte una visione più univoca e condivisa. Spero che i risultati del sondaggio pubblicati oggi possano aiutare anche lei a chiare di più il quadro di mercato rispetto alla sua visione. Buona lettura

  • Commento utente

    Hps Steel

    E' evidente che l"interesse nazionale" adesso sia molto sbilanciato sulla tematica ambientale. La nuova chiave è questa. Che poi durante l'aggiudicazione, alcuni eventi si fossero sviluppati con "disinvoltura" è un fatto altrettanto certo (esempio: il rilancio di prezzo della cordata "italiana" avvenuto dopo l'apertura della busta AM ). D'altronde , lo Stato con CDP era parte interessata ....

  • Commento utente

    Hps Steel

    Le acciaierie turche, quando vendono, lo fanno in Dollari oppure in Euro. Quindi , il vero fattore da tenere in considerazione è ANCHE il contemporaneo rapporto EUR/USD. Se analizziamo l'andamento del tasso di cambio delle due monete, possiamo notare che l'Euro si è apprezzato contro USD (cambio di questo momento 1.1559) del 1,6 percento mentre al 15 Agosto l'apprezzamento era addirittura superiore (3,6 %). Se prendiamo i prezzi attuali dei turchi in USD e li tramutiamo in Euro, in realtà possiamo verificare che la differenza è minima.

  • Commento utente

    Emanuele Norsa

    Verissimo, la debolezza dell’Euro rispetto al Dollaro ha livellato abbastanza le correzioni di prezzi registrate in Turchia dal punto di vista europeo. Mentre per HRC il prezzo turco in Euro è pressoché invariato, per il tondo invece una discesa si è notata. Quello che è certo è che dalla prossima settimana (dopo le vacanze in Turchia e Medio Oriente) capiremo se il rottame turco scenderà ancora e di conseguenza se i prezzi turchi continueranno a dover scendere (anche per i piani). L’effetto domino della crisi turca, comunque, si sente anche in mercati denominati in Dollari come quelli asiatici, andando a mettere pressione di conseguenza anche sui prezzi cinesi.

  • Commento utente

    G.MANZONI

    Si amplia la correzione (-2,6%) dei prezzi medi settimanali in US$/ton dei coils a caldo europei (figura 2) rispetto ai livelli del mese scorso. Ancorché il movimento esprima una evidente decelerazione, le curve tecniche prospettano il proseguimento della fase declinante verso la zona 540-535 US$/ton. ****************** quando citate un prezzo... base? fob? Cif effettivo? sarebbe opportuno specificare. In ogni caso se trovare qualcuno che vende coils a caldo a 540 dollari...fatemelo sapere che comperiamo subito

  • Commento utente

    G.MANZONI

    il prezzo tendenziale dei coils a 540 Usd contrasta con i rilievi effettivi constatati e riposrati negli articoli di rilevazione

  • Achille Fornasini

    Achille Fornasini

    Grazie per il Suo commento, che mi consentirà di perfezionare ancor più la nostra analisi settimanale. I prezzi internazionali a cui si fa riferimento riguardo ai coils a caldo sono rilevati quotidianamente da Platts a livello mondiale. Di tali prezzi - specificamente definiti "FOB Black Sea" espressi in US$/ton - calcolo la media aritmetica settimanale così da poter contare su un valore meno volatile. Il riferimento "Europa" che appare sulla figura rischia dunque di essere fuorviante e pertanto, d'ora in avanti, non solo ci si riferirà alla particolare tipologia di prezzo ma anche all'origine precisa della sua quotazione. Achille Fornasini

  • Commento utente

    Hps Steel

    Questi sono i risultati di una politica dei trasporti (e , ambientale) miope, che ha penalizzato durante l'ultimo decennio il trasporto ferroviario delle merci, puntando su Alta Velocità per passeggeri, decisamente piu' remunerativa per tutta la "filiera".... Andate a documentarvi su quanti scali/terminali merci sono stati chiusi da RFI durante gli ultimi 10 anni e poi fatemi sapere ....

  • Commento utente

    G.MANZONI

    Frena ulteriormente la discesa dei prezzi medi settimanali in US$/ton dei coils a caldo FOB Black Sea (figura 2): l’entità della correzione rispetto ai picchi (-2,7%) e la posizione assunta dagli indicatori tecnici prefigura l’assestamento dei prezzi nell’area 555-550 US$/ton. *************************** SAREBBE OPPORTUNO precisare che questi prezzi valgono per produzione Russa-Ukraina e anche Turca (guerra con Russi), ma NON per destinazione Europa. La notizia così nuda e cruda si presta a equivoci, anche se poi i rilievi di mercato Italia la smentisce

  • Achille Fornasini

    Achille Fornasini

    Precisata la natura dei prezzi (Black Sea quotati in dollari), quel che più conta è la dinamica dei medesimi, non tanto il loro livello puntuale. La nostra finalità d'analisi, infatti, è quella individuare i cicli e le tendenze dei mercati e non "prevedere" dei livelli futuri di prezzo. Proprio per questa ragione, al fine di evitare possibili equivoci, eviteremo d'ora in avanti di indicare precise aree di prezzo, limitandoci a delineare le possibili evoluzioni. La prossima settimana pubblicheremo l'analisi mensile dei prezzi nazionali (coils a caldo compresi) e potremo quindi verificare l'esistenza o meno di concordanze evolutive tra i prezzi Black Sea e quelli rilevati in Italia da Siderweb.

  • Commento utente

    gigi

    COMPLIMENTI FRANCESCO A TE PER LA LUNGIMIRANZA E SEMPLICITA' CON CUI ESPONI LA TUA AZIENDA COMPLIMENTI A TUTTI I TUOI COLLABORATORI LUIGI GERRI SIDERURGICA DEL RENO

  • Commento utente

    Hps Steel

    Anche la vergella al 26,9 % non scherza ...

  • Commento utente

    Hps Steel

    Non concordo su alcuni aspetti di questo articolo Il rottame turco si è comunque riposizionato sui livelli di luglio (HMS80/20 a 317 USD CFR medio) Se parliamo di HRC , sono certamente scesi, ma i prezzi su base CFR , tradotti in Euro restano non attrattivi da parte dei clienti italiani che preferiscono approvvigionarsi a prezzi identici ma con servizio e condizioni diverse dall'import Non si parla neppure nell'articolo della nuova legge urgente entrata in vigore in Turchia per difendere la moneta locale, che impone a tutti i "grandi" operatori in valuta estera (sia import, che export) di convertire immediatamente l'80 % del valore di ogni transazione in valuta locale. Traduzione : costi e tempi dilatati. E questo, rappresenta un ulteriore elemento che fa pensare ad una tenuta, oppure addirittura al rilancio dei prezzi turchi.

  • Commento utente

    Emanuele Norsa

    Grazie per il suo commento. Secondo il nostro indice il prezzo medio del rottame turco a Luglio è stato $345/t, circa $20/t in più rispetto all’ultimo valore spot di $325/t. Certamente il rimbalzo dei prezzi turchi dal fondo toccato durante Settembre è in corso, ma non sembra essere forte al punto di riportare i prezzi ai valori precedenti ad Agosto per il momento (il tondo turco per esempio continua ad essere offerto ai livelli più bassi da Luglio 2017). Dal punto di vista delle importazioni di HRC in Sud Europa è innegabile che con offerte a EUR515/t CFR oggi l’interesse dei compratori è aumentato. Non è un caso che in Italia, dove la presenza di offerte turche è maggiore, il prezzo del HRC ha sofferto negli ultimi mesi, mentre in Nord Europa il mercato ha continuato ad essere forte.

  • Commento utente

    Hps Steel

    Anche Stefana è passata ad un gruppo di emanazione estera. Per la precisione.

  • Commento utente

    Hps Steel

    L'AD della VW, cosa deve dire ? Sono i "colpevoli" del Dieselgate, pertanto non si smentisce... Peccato che l'ibrido sia un palliativo e che la tecnologia "full electric" non sia ancora matura in termini di costi produttivi.... E gli anni, i decenni passano convivendo con il particolato ...

  • Commento utente

    Roberto Ferraresi

    Manca come già altre volte sottolineato un previsione sull'andamento futuro del mercato. Si registra il consolidato ma non si elaborano inormazioni e dati economici per valutare scenari e tendenze almeno a breve -3 mesi?

  • Commento utente

    Hps Steel

    Nessuno ha parlato del "caso Norvegia" ? Ovvero il paese in Europa dove il 32 % delle auto sono Full Electric ? Perche' nessuno parla delle politiche di incentivazione e de-fiscalizzazione di quel paese ? Lo sapete che in Norvegia le auto elettriche sono esenti da IVA ?

  • Commento utente

    gigi

    Amio parere se il mercato dei coils ha avuto una impennata di circa 30 € ton anche il mercato dei tubi saldati dovrebbe avere lo stesso Aumento. Il problema pero che essendo in un mercato in recessione tecnica Bisognerebbe riallinere il mercato della filiera e capire dove sta il rapporto di filera tra i commercianti produttori e vendita a valle

  • Commento utente

    golfer

    Sempre colpa dell'Asia e delle importazioni ?????

  • Commento utente

    Hps Steel

    Mentre in Europa, il Gruppo VW ha lanciato nel 2015 un piano epocale per lanciare sul mercato 20/25 piattaforme elettriche entro il 2025, c'è ancora qualcuno che parla di "pragmatismo" ... Mentre in Cina gli investimenti sulla mobilita' elettrica sono gia' avanti anni -luce rispetto all'Europa. Forse in Europa e- soprattutto in Italia - si percepisce una certa disinformazione. Inoltre nessuno mette il dito nella piaga sul ritardo (quasi, incolmabile) di FCA .... Forse è arrivao il momento si svegliarsi. Altro che "pragmatismo" ...

  • Commento utente

    Hps Steel

    "Hybrid", NON è FULL ELECTRIC.... anzi è un passaggio inutile . Tanto vale puntare subito su FULL ELECTRIC, come VW . Ah, dimenticavo, certo.... mancano i soldi ...

  • Commento utente

    giuseppe tundo

    sono fiero di far parte della famiglia siderweb

  • Commento utente

    Hps Steel

    Bene : la crisi è finita !

  • Commento utente

    golfer

    L' incremento dell'Indonesia è dovuto principalmente all'esportazione di rotolo a caldo Black….

  • Commento utente

    Hps Steel

    Vecchie ricette, per nuove situazioni

  • Commento utente

    Hps Steel

    Spiegate al politico, che una ipotesi su Taranto, potrebbe convivere benissimo con Piombino, visot che Taranto potrebbe fornire acciaio anche a Piombino dove (se non erro), l'acciaieria è stata fermata e l'AFO smantellato. Think big. Think wide.

  • Commento utente

    Lorenzo Esposito

    Trovo molto interessante la soluzione che stanno cercando di realizzare con Hybrit un Svezia, ma la componente Carbonio dell'acciaio verrà sostituita e in caso contrario le emissioni come verranno controllate o abbattute? Oppure stiamo parlando di un progetto relativo alla sola questione energetica?

  • Commento utente

    Hps Steel

    Non sono mai contenti ..... prima si lamentano per le misure EU sull'acquisto di vergella, poi chiedono alla stessa EU misure per bloccare i loro concorrenti. No comment.

  • Commento utente

    Hps Steel

    Quando mai erano scesi "i consumi cinesi " ???

  • Commento utente

    golfer

    EUROFER... HA STIMOLATO LA COMMISSIONE EUROPEA A IMPORRE DAZI E QUOTE CONTRO I PRODOTTI FINITI A CALDO E A FREDDO IN ACCIAO INOSSIDABILE DI ORIGINE ASIATICA , MA NON SUGLI SLEBI , PERCHE' ?????

  • Commento utente

    Emanuele Norsa

    Belle parole!

  • Commento utente

    Hps Steel

    Non capisco i dubbi. L'elenco con i codici delle aziende esenti è molto chiaro, visto è composto da numeri. Inoltre, era un tipo di evenienza possibile da giorni, pertanto tutti avrebbero dovuto avere un "piano B" pronto .

  • Commento utente

    Hps Steel

    Penso che non sia argomento "soggettivo" quello di decidere se tenere aperto, oppure no. E' un fatto oggettivo, disciplinato dal decreto in vigore che disciplina i codici delle varie attivita'- Deve restare un fatto oggettivo, altrimenti diventa anarchia. Diventa mancanza di rispetto nei confronti di chi è obblligato (da settimane) a starsene a casa .

  • Commento utente

    Hps Steel

    Mettiamola cosi' : l'Italia si è fermata per prima, quindi ripartira' per prima. Dovrebbe tuttavia anche chiedersi perchè alcuni suoi colleghi italiani stanno producendo ....

  • Commento utente

    Rino Bellacosa

    UNA GIUSTISSIMA E SERIA INIZIATIVA. AUGURI A TUTTI NOI E DIO CI BENEDICA

  • Commento utente

    Giliana Solzi

    a

  • Commento utente

    Hps Steel

    Non c'erano dubbi su questo gradimento plebiscitario .....


“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

11 luglio 2020

Piombino: JSW punta al breakeven entro il 2021

Carrai: «Lo stabilimento deve tornare ad essere un grande produttore e non solo trasformatore»

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

Piombino: taglio del nastro per il decapaggio della Magona

Inaugurazione il 21 luglio alla presenza del Ceo del Gruppo GFG Alliance Sanjeev Gupta

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

JSW Steel Piombino: Carrai si presenta ai sindacati

Giovedì prossimo primo confronto con il nuovo vicepresidente esecutivo: tutte le richieste sul tavolo

di Giorgio Pasquinucci

10 luglio 2020

Banca d’Italia: «+11,5% di prestiti alle imprese»

Incremento di 23 miliardi di euro fra marzo e maggio «grazie agli interventi di sostegno messi in campo»

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali