Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 
I nostri video

Banzato: «Non solo speculazione a far crescere i prezzi»

Il presidente di Federacciai conferma che l’impennata delle quotazioni è dovuta anche a maggiori consumi

Versione stampabile

È stato un intervento carico di ottimismo quello che ha visto il presidente di Federacciai Alessandro Banzato protagonista dell’intervista faccia a faccia del primo “Mercato & Dintorni” del 2021.

Incalzato dal direttore generale di siderweb Lucio Dall’Angelo, Banzato ha toccato tutti i punti chiave emersi in questo avvio di nuovo anno per la siderurgia, a partire dall’inarrestabile fiammata delle quotazioni.

«Questi aumenti si innestano su una ripresa dei consumi che era già ben visibile sul finale del 2020 – ha rimarcato il presidente di Federacciai -. Alla luce di una crescita così repentina è chiaro che vi sia una decisa componete speculativa a livello internazionale, che ha coinvolto tutti gli elementi alla base della produzione di acciaio, dalle materie prime, alle ferroleghe, all’energia. Questo ha gonfiato questa bolla che mi aspetto che prima o poi scoppierà. Tuttavia non credo che questo “scoppio” riporterà i prezzi ai minimi del 2020. La correzione al ribasso ci sarà, ma troverà come punto d’arresto una domanda in crescita. Proprio questo elemento darà una maggiore stabilità. Uno dei problemi che invece si presentano non è tanto quello di un eventuale crollo, quanto piuttosto se la filiera riuscirà a ribaltare a valle questi aumenti così repentini; anche perché tutti si sono trovati in difficolta nel riuscire a reperire la propria materia prima, che si tratti di rottame, oppure di semilavorati e finiti».

Sul fronte internazionale, a chi ha individuato nell'eccessivo protezionismo europeo l'origine della difficoltà a reperire materiale Banzato ha risposto che il mercato europeo deve avere sistemi di controllo, non di protezionismo. «Il prossimo anno la Cina stima di esportare 70 milioni di tonnellate. Bene, se confrontate con il loro miliardo di output sono nulla, ma per il mercato europeo rappresentano un terzo della produzione annua. Questo è il contesto in cui operiamo oggi» ha spiegato l’imprenditore.  

Banzato si è detto orgoglioso della siderurgia italiana, non solo perché dal pieno della crisi è passata da un -40% di produzione annua ad aprile 2020 al -14% di dicembre, ma anche perché le aziende non hanno cancellato gli investimenti e si impegnano per migliorare il prodotto sempre più e competere all’estero.

Sullo scenario internazionale, la soluzione per la Brexit e le elezioni USA dovrebbero dare molta più stabilità al contesto, al di là di quali sarebbero potuti essere i migliori risvolti. Più difficile invece pronunciarsi sul nuovo accordo Ue-Cina ed anche sul Recovery plan italiano.

«Il piano sul Recovery ha un’intelaiatura interessante, almeno sui temi in cui siamo stati coinvolti per la discussione: transizione green, PPI, sostegno al passaggio all’idrogeno, infrastrutture. Le paure sono su come questo poi viene concretizzato. È il momento in cui tutti ci giochiamo il futuro del nostro Paese, speriamo di esserne all’altezza».

Più rapide invece le repliche sui casi Taranto e Piombino e sulla presenza statale nei sistema di rilancio. «Ci sono momenti in cui la presenza temporanea dello Stato è quasi obbligatoria – ha spiegato Banzato -. Mi riferisco ad Ilva, è comprensibile che a fronte di impegni anche economici immani ci sia il supporto dello Stato. Questo va però fatto sugli impianti che hanno un senso di mercato: Taranto, Novi e le rotaie di Piombino di sicuro. Lo stesso non è per i treni barre e vergella del polo toscano».

Sui conti aziendali di Acciaierie Venete, Banzato si è detto felice dei risultati 2020: «Sono stati meno positivi di altri anni ma valgono di più, perché dimostrano che possiamo navigare anche dentro la tempesta». «Per il 2021 - ha concluso - dovremo recuperare sicuramente l’impatto delle materie prime. In linea di massima sono ottimista per l’anno».


Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Verso il futuro: acciaio e innovazione

Il viaggio di siderweb per verificare l’impatto delle soluzioni tecnologiche innovative sulle produzioni

ARTICOLI SIMILI

3 febbraio 2021

Cgil e Federacciai: «Acciaio, sì a piano nazionale»

Alessandro Banzato garantisce: «Non useremo lo sblocco dei licenziamenti come un’arma»

di Marco Torricelli

22 gennaio 2021

Germania: rincari record a gennaio

Il rottame sale di 75-90 euro la tonnellata rispetto a dicembre

di Stefano Ferrari

21 gennaio 2021

Prezzi siderweb: aumenti meno marcati

Rallenta il ritmo della crescita: solo l’inox continua a correre

di Stefano Ferrari

20 gennaio 2021

Emmegi: volumi in crescita nel 2021

Il produttore di grigliati e recinzioni parteciperà per la quarta volta a Made in Steel

di Elisa Bonomelli

20 gennaio 2021

Lombarda Acciai punta su velocità e qualità del servizio

Ballerini: «Una delle sfide per il 2021 è legata alla reperibilità del materiale a prezzi sostenibili»

di Davide Lorenzini
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Speciale duemilae20

La cronaca siderurgica e le analisi su prezzi, domanda e produzione.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo
A cura di Marco Torricelli

Acciaio: RICREA a scuola per promuovere il riciclo

Al via l’ottava edizione del progetto educativo “Ambarabà Ricicloclò”: quest’anno coinvolto anche l’estero

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali