Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

A Steem for steel. Vince il team di Pomigliano (Na)

L’ideatrice del progetto Raffaella Poggio: «Esperienza formativa per studenti e aziende partecipanti»

Versione stampabile

1.200 studenti coinvolti, 8 scuole, 5 città italiane: sono i numeri relativi alla prima edizione di “A Steem for steel”, l’iniziativa education basata sulla trasformazione digitale e sull’ecosostenibilità, volta a far conoscere ai giovani le innumerevoli potenzialità del mondo dell’acciaio, avvicinandoli ai percorsi STEEM (Science, Technology, Engineering, Economics, Maths) per accedere alle carriere nel settore dell’industria manifatturiera italiana.

L’obiettivo di “A Steem for Steel”, promossa da Fondazione Marcegaglia con il patrocinio di Federacciai – e che ha potuto contare sulla collaborazione del Gruppo Marcegaglia, del Gruppo Acciaierie Venete, di ABS (Acciaierie Bertoli Safau), di Danieli Automation  e di Sideralba – «si è posta l’obiettivo di raccontare l’acciaio e mettere in evidenza alle nuove generazioni gli aspetti virtuosi del settore – spiega Raffaella Poggio (al centro della foto di testa), che ne è ideatrice e direttore – e, mostrandone i lati sostenibili e innovativi, ancora poco conosciuti, attraverso l’incontro e lo scambio con aziende leader, che sono state capaci di coniugare l’innovazione tecnologica nei loro processi produttivi, investendo nella trasformazione digitale. Il progetto si poneva, inoltre, lo scopo di avvicinare al mondo dell’acciaio le ragazze, abbattendo gli stereotipi che allontanano le giovani dai percorsi tecnico-scientifici e colmare lo skill gap delle aziende italiane che lamentano la difficoltà a trovare candidati in linea con i requisiti delle posizioni aperte».

Poggio parla di «esperienza fantastica, perché ci ha confermato che il mondo della scuola, se sollecitato nel modo giusto risponde in maniera molto incoraggiante. E gli studenti, che sono stati eccezionali e che ci hanno insegnato come si comunica con loro sui social, hanno potuto confrontarsi con mondi che non conoscevano e il metodo innovativo attuato ha permesso loro di acquisire esperienze che si potranno rivelare decisive per il loro futuro».

Sul piano personale Raffaella Poggio racconta di aver ricevuto «una grande energia di ritorno dall’esperienza, cosa peraltro che aiutato me, e tutto lo staff che ha lavorato al progetto, nel ripensarlo in corsa in chiave esclusivamente digitale, quando siamo costretti a farlo a causa del lockdown ed a non sospenderlo, perché ai giovani vanno fatti arrivare segnali positivi e propositivi anche nei momenti più difficili».

Ma da questa esperienza, dice, è emerso anche altro: «Abbiamo assistito alla nascita di uno spirito di squadra tra aziende alle quali può capitare, operando nello stesso settore, di trovarsi in concorrenza tra loro, ma che hanno scoperto la bellezza di “fare sistema” nel perseguire un obiettivo comune: il futuro dei giovani». Tanto che si sta già pensando alla seconda edizione, «ampliando il campo a tutta Italia – conclude Raffaella Poggio - guardando anche al mondo universitario e puntando ancora di più sul digitale».

I vincitori

Il progetto, dice ancora Poggio, «ha previsto una prima fase di workshop nelle scuole, seguiti dagli Innovation Camp e infine dalla Steel League, dove i quattro vincitori degli Innovation Camp – Hard Steel dell’I.S.I.S. Europa di Pomigliano d’Arco (NA); Steel Appeal del Liceo Virgilio di Mantova; Steel Believing dell’I.S.I.S. Malignani di Udine e Steel Design dell’Istituto A. Aleardi di Verona; si sono cimentati in 3 sfide online in 10 giorni, ognuna delle quali si è conclusa con la produzione di un video. Agli studenti è stato, infatti, chiesto di realizzare un brano rap sull’acciaio, di immaginare e progettare una casa in cui questo materiale è protagonista e di mostrare come è possibile trascorrere una giornata senza acciaio. Una Giuria di qualità, ha decretato il team Hard Steel vincitore della prima edizione di ‘A Steem for Steel’».

I premi

I quattro team partecipanti riceveranno in premio i notebook Lenovo già messi a disposizione degli studenti per svolgere i progetti assegnati e utilizzati nella didattica a distanza. Inoltre, i ragazzi e le ragazze del team vincitore ‘Hard Steel’ riceveranno il premio speciale da parte del partner legale LCA che consisterà nella visita di un’intera giornata alla H-Farm in cui i ragazzi potranno accedere alla Digital Academy e incontrare gli startupper.

I partner

‘A Steem for Steel’ ha potuto contare sul patrocinio di AICA - Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico, StemintheCity - l’iniziativa promossa dal Comune di Milano per diffondere la cultura delle STEEM, di AIM - Associazione Italiana di Metallurgia e di Fondazione Promozione Acciaio. Il supporto tecnologico è stato fornito da Lenovo e altri partner tecnici dell’iniziativa sono stati Junior Achievement Italia, LCA Studio Legale e Riconversider. Noi di siderweb siamo stati orgogliosi di essere il media partner dell’iniziativa.

I commenti

Anna Mareschi Danieli, vice presidente di ABS – Gruppo Danieli dice che «nel gruppo Danieli crediamo fortemente nei giovani e quindi tutti i progetti, anche qualitativi – in particolare il progetto ‘A Steem for Steel’ è stato molto interessante – che aiutano a rafforzare le nostre attività che vanno nella direzione di accorciare le distanze tra mondo del lavoro e scuola, sono ammirevoli e noi aderiamo con entusiasmo».

Per Antonio Marcegaglia, presidente e amministratore delegato del Gruppo Marcegaglia, «è essenziale che la nostra azienda continui il dialogo e il coinvolgimento con i giovani, le scuole superiori e l’università per innescare un approccio a una nuova cultura di impresa più orientata all’innovazione strutturale. Come classe dirigente dobbiamo, altresì, essere capaci di creare valore attraverso lo sviluppo delle competenze distintive di ciascun giovane».

Luigi Rapullino, amministratore delegato di Sideralba, spiega che «questo progetto ci ha permesso di entrare nelle scuole per raccontare il mondo siderurgico agli studenti, facendogli conoscere un settore completamente diverso da quello che immaginavano, interessante e avvincente, una nuova possibilità per il futuro, per il quale hanno espresso tutto il loro entusiasmo con lavori straordinari. Come azienda abbiamo raccolto partecipazione e impegno che hanno superato ogni nostra aspettativa e abbiamo compreso che è proprio nella scuola che va seminato il futuro dell’acciaio». 

Per Alessandro Banzato, presidente e amministratore delegato di Acciaierie Venete e presidente di Federacciai, «una delle qualità di questo progetto è di aver cercato di promuovere in modo estremamente innovativo una ‘rivoluzione culturale’ del settore partendo dalle giovani generazioni e avviando un processo che potrà attecchire nel profondo ed espandersi ulteriormente. La qualità e l’efficacia comunicativa delle prove superate dagli studenti dimostrano non solo la loro creatività, ma anche che l’acciaio può essere divertente da raccontare e noi dovremo essere bravi a raccontarci al di fuori dei soliti schemi».

ARTICOLI CORRELATI

7 aprile 2020

‘A Steem for Steel’: il progetto ora è digitale

Nella seconda fase cambia il proprio format e si apre a innovative opportunità per studenti, docenti e aziende

di Marco Torricelli

25 febbraio 2020

"A Steem for Steel": «Il fascino della siderurgia»

Le aziende che sostengono l’iniziativa della Fondazione Marcegaglia fanno il punto della prima fase

di Redazione Siderweb

10 febbraio 2020

‘A Steem for Steel’ in Friuli Venezia Giulia

Il sesto workshop dell’iniziativa che coinvolge le scuole superiori ha fatto tappa a Udine e Cervignano

di Marco Torricelli

5 febbraio 2020

"A Steem for Steel" ha fatto tappa a Napoli

Il workshop sostenuto dalla Fondazione Marcegaglia ha coinvolto gli studenti di due scuole della provincia

di Redazione Siderweb

23 gennaio 2020

Marcegaglia: «Far amare l’acciaio ai giovani»

È uno degli obiettivi del progetto "A Steem for Steel" che coinvolge le scuole. Ne parla il Ceo del gruppo mantovano

di Redazione Siderweb

18 dicembre 2019

Formazione: nasce “A Steem for Steel”

Un’iniziativa che mira a sensibilizzare i giovani verso l’importanza degli studi STEEM

di Marco Torricelli
Altre News

Lascia un Commento



“Un pensiero ovvio ed una critica sterile godono, purtroppo, della stessa libertà di espressione di molte idee innovative rimaste inascoltate.”

Valter Redolfi

DOSSIER

Dossier

Coronavirus: sfida d'acciaio

L'impatto della diffusione dell'epidemia sul sistema economico italiano e internazionale

ULTIME NEWS

13 luglio 2020

Acciaio: secondo trimestre negativo per Severstal

Il produttore russo ha sfornato l’8% di acciaio in meno del 2019 e le vendite sono diminuite del 10%

di Marco Torricelli

13 luglio 2020

Dazi: guerra tra Corea del Sud, Cina e Indonesia

Nel mirino, dopo le ipotesi di collaborazione poi sfumate, c’è la multinazionale Tsingshan osteggiata da POSCO

di Marco Torricelli

13 luglio 2020

Euro Sider Scalo supporta Leonardo da Vinci

L’azienda di Cividate Camuno (BS) sostiene la seconda edizione della mostra in programma fino al 30 ottobre

di Marco Torricelli

13 luglio 2020

Acciaio: in Iran si vuole incrementare l’export

Le aziende che producono tubi e profilati chiedono al governo di rimuovere le limitazioni imposte

di Marco Torricelli
Altre News

MERCATI

SPECIALI

Speciali

Mercato tra congiuntura e cambiamenti strategici

Lo speciale di siderweb dedicato al mercato siderurgico post-Covid

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

RICREA: più attenzione alla qualità
A cura di Elisa Bonomelli

RICREA: più attenzione alla qualità

Nel 2019 raccolte 481mila tonnellate di imballaggi di acciaio. Avviato al riciclo l’82% dell'immesso al consumo

Tecnologie industriali

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo
A cura di Redazione Siderweb

Laminazione: il ruolo decisivo del forno di riscaldo

Preparare in modo adeguato il prodotto alla fase di trattamento specifico è garanzia di risultati ottimali