Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Ilva: produzione a 10mila tonnellate giorno

Il dettaglio del piano di spegnimento degli impianti. Conte: «Depositato un ricorso. ArcelorMittal non fermi Taranto»

Versione stampabile

Circa 10mila tonnellate al giorno al massimo. Questa la produzione attuale di Ilva secondo quanto appreso da siderweb, una produzione che probabilmente sarà destinata ancora a scendere man mano che gli impianti verranno fermati secondo il cronoprogramma dettagliato che ArcelorMittal ha comunicato a istituzioni e lavoratori.

Le operazioni di fermo sono già iniziate soprattutto per gli impianti che necessitano delle tempistiche più graduali.

Il primo passaggio è stata la fermata della linea E dell’Agglomerato numero 2 già effettuata il 10 novembre.

Il prossimo passaggio sarà la fermata di AFO 2 con il colaggio della salamandra previsto per il 10 dicembre, lo stesso giorno si fermerà l’acciaieria 1 e della colata continua 1, mentre la 5 è già ferma.

Afo 4 si fermerà invece il 18 dicembre, e nella stessa data si fermerà un convertitore dell’acciaieria 2.

Il 3 gennaio 2020 sarà invece la volta della linea G dell’Agglomerato numero 2.

Tra il 5 e il 15 gennaio invece verranno fermati i restanti impianti: le cokerie 7, 8, 11 e 12, con lo spegnimento della batteria 11 e il riscaldo delle batterie 7/8/12.

Infine si passerà allo stop di AFO 1 e la fermata totale dell’acciaieria 2 con la consumazione di tutta la ghisa che sarà possibile consumare per evitare di danneggiare le siviere e le linee di colaggio.

L’azienda precisa anche che nei progetti di spegnimento potrebbero verificarsi emissioni diffuse e la relativa accensione delle torce di emergenza.

Viene quindi confermato l’annuncio che vedrà il cuore produttivo dell’impianto smettere definitivamente di battere il prossimo 15 gennaio 2019.

Nel pomeriggio di venerdì, poi, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha diffuso una nota nella quale afferma che «è stato depositato il ricorso ex art.700 cpc al fine di fermare il depauperamento di un asset strategico del nostro sistema industriale come lo stabilimento ex Ilva di Taranto. Il Governo non lascerà che si possa deliberatamente perseguire lo spegnimento degli altiforni, il che significherebbe la fine di qualsiasi prospettiva di rilancio di questo investimento produttivo e di salvaguardia dei livelli occupazionali e la definitiva compromissione del piano di risanamento ambientale».

Conte, poi, prosegue così: «ArcelorMittal si sta assumendo una grandissima responsabilità, in quanto tale decisione prefigura una chiara violazione degli impegni contrattuali e un grave danno all’economia nazionale. Di questo ne risponderà in sede giudiziaria sia per ciò che riguarda il risarcimento danni, sia per ciò che riguarda il procedimento d’urgenza. Ben venga l’iniziativa anche della Procura di Milano che ha deciso di intervenire in giudizio e di accendere un faro anche sui possibili risvolti penali della vicenda».

Infine l'Amministrazione Straordinaria di Ilva annunciando ufficialmente di aver presentato ricorso precisa che «il preteso recesso è stato indebitamente esercitato e che, conseguentemente, non sussistono le condizioni giuridiche per la retrocessione dei rami d’azienda oggetto del Contratto d’affitto».

ARTICOLI CORRELATI

  • Ilva: i tre fronti della vicenda

    Le diverse vie parallele alla ricerca di una soluzione alla crisi del siderurgico

    di Redazione Siderweb
  • Ilva: ArcelorMittal ribadisce l’abbandono di Taranto

    I sindacati annunciano atti di insubordinazione negli spegnimenti e chiedono un nuovo tavolo

    di Davide Lorenzini
  • Ilva: al MiSe ArcelorMittal e sindacati

    Il ministro Stefano Patuanelli a confronto con l’ad Lucia Morselli e i segretari delle organizzazioni dei lavoratori

    di Marco Torricelli
  • Ilva: la Procura di Milano interviene nella causa

    L’annuncio del Procuratore capo Francesco Greco: «Esercitiamo il diritto ravvisando un preminente interesse pubblico»

    di Marco Torricelli
  • ArcelorMittal: ok all’operazione Essar Steel

    Mentre in Italia prosegue il braccio di ferro sull’Ilva, dall’India arriva il «si» all’investimento da quasi 6 miliardi

    di Redazione Siderweb
  • Ilva: cresce l'attesa per il vertice di domani

    Al MiSe lavoratori e azienda, che intanto comunica le date di fermata degli altiforni: il 15 gennaio data ultima

    di Davide Lorenzini
  • Altre News

Lascia un Commento



“Ogni mattina noi nasciamo nuovamente. Ciò che decidiamo di fare oggi è ciò che conta davvero”

Buddha

DOSSIER

Auto elettrica: quale futuro per l'acciaio

Le strategie dei grandi gruppi siderurgici globali che servono l'automotive nelle analisi dell'Ufficio Studi siderweb

17 aprile 2019
Sostenibilità: le strategie dei leader mondiali
Archivio dossier

ULTIME NEWS

MERCATI

SPECIALI

Speciali

STEEL HUMAN

Da Made in Steel 2019 innovazione e sostenibilità. Un nuovo paradigma per l’acciaio.

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

A cura di Gianni Veronesi

Acciaio per la ricerca scientifica pediatrica

Ricrea ha rinnovato il proprio sostegno alla Fondazione Umberto Veronesi. A fine marzo volontari in piazza

Tecnologie industriali

A cura di Redazione Siderweb

Tubi strutturali Morandi per la casa in acciaio

I tubi strutturali del Centro Servizi di Brescia inaugurano il nuovo spazio dedicato alla community dell’acciaio