Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

ArcelorMittal Cln bilancio positivo della Jv

Viganò: «la joint venture con Itla Bonaiti sarà invece operativa dal primo luglio»

Versione stampabile

 RHO (MI) - «La distribuzione da centro servizio coils ha vissuto un primo quadrimestre caratterizzato da volumi di vendita sostanzialmente stabili rispetto al 2016, consuntivando una buona marginalità unitaria, soprattutto grazie al prezzo di ingresso favorevole dei coils da processare, acquistati durante il quarto trimestre 2016».

Così lCesare Viganò, Managing Director della joint venture ArcelorMittal Cln Distribuzione Italia, commenta a Made in Steel l’inizio dell’anno.

«La buona performance in termini di marginalità è però purtroppo terminata nelle ultime settimane, con una marcata contrazione dovuta all’effetto combinato di prezzi di entrata maggiori ed ai prezzi di vendita da SSC più bassi».

L’ingegner Viganò traccia poi un quadro della JV siglata nel 2015 con ArcelorMittal «che in questi primi mesi del 2017 ha consuntivato i medesimi trend della distribuzione, anche se con una minore attitudine speculativa in fase di acquisto coils - afferma -. Stiamo tuttora cercando il miglior equilibrio possibile tra volumi e prezzi di vendita, per difendere i valori necessari di marginalità, a copertura dei costi complessivi di funzionamento. In termini generali, a circa due anni dalla partenza della JV, siamo soddisfatti del cammino fatto, seguendo finora le tappe previste dal business plan iniziale, che ha ancora circa dodici mesi per il suo completamento nelle varie aree di attività».

L’ing. Viganò riserva poi uno spazio per commentare l’acquisizione del ramo d’azienda di Vertek /Condove della ex Lucchini: «Stiamo procedendo secondo i tempi e le modalità previste dall’accordo - dichiara -, che vedrà come prima fase l’ufficializzazione di un bando della Procedura, teso alla vendita degli assets produttivi, che ricordo non essere stati acquistati dal Gruppo CLN. Infine, stiamo completando l’iter che ci porterà alla creazione della JV Itla Bonaiti, leader nel settore della rilaminazione degli acciai ad alto carbonio/legati, dopo avere esaurito le fasi di due diligence e la stesura degli accordi di governance. Ad oggi, prevediamo per il primo luglio l’inizio della attività della JV».

ARTICOLI CORRELATI

  • 18 maggio 2017

    La visione degli imprenditori scalda Made in Steel

    Sala gremita per il convegno dedicato al futuro della siderurgia italiana

  • 18 maggio 2017

    A Made in Steel il meeting di Eurometal

    L'associazione europea delle aziende del commercio dell'acciaio si confronta a Made in Steel

  • 18 maggio 2017

    Primetals: la digitalizzazione è fondamentale

    Da Made in Steel l’ad della divisione italiana Giuseppe Ferrario racconta l’entrata nella rivoluzione digitale

Lascia un Commento



“Il successo è raggiungere quello che vuoi. La felicità è volere ciò che hai”

Dale Carnegie

DOSSIER

La strada verso l’acciaio del futuro

Le strategie a medio termine dei grandi gruppi siderurgici mondiali

19 giugno 2017
USA: il rischio di una guerra geo - economica
Archivio dossier

ULTIME NEWS

NSSMC punta sull’ultra-resistenziale

Il gruppo giapponese installerà una linea continua di zincatura a caldo per la produzione di 33mila tonnellate al mese

Partnership tra Vallourec e l’ucraina Interpipe

L’obiettivo annunciato è produrre tubi ss non-OCTG per il mercato europeo

Ori Martin, verticalizzazione e qualità

Giovanni Marinoni e Roberto De Miranda: investimenti continui e ricerca per essere vicino ai clienti

Acciaierie Venete: centro di ricerca a Padova

Banzato: «2017 positivo, Ebitda all’11%»

Altre News

MERCATI

Billette

Quotazioni stabili

Tondo c.a.

Consumi interni al palo

Vergella

Buona domanda

Altre analisi

SPECIALI

Speciali

speciale dazi USA

L’import-export di acciaio USA, prima e dopo (con l’analisi delle possibili conseguenze) l’applicazione dei dazi al 25% su alcuni prodotti siderurgici

Altri Speciali