Siderweb utilizza i cookie per una migliore gestione del sito.
Per ulteriori dettagli e per informazioni si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy e la nostra policy relativa ai cookie. Accedendo al sito acconsenti all'uso dei cookie.
Scopri
Siderweb
Prova Gratuita 

Stati Generali verso Made in Steel

L'appuntamento è ora per il prossimo maggio. Contaminazione la parola d'ordine

Versione stampabile

Non c’è innovazione senza strategia. E la strategia deve andare oltre l’innovazione ed approdare al cambiamento. E’ solo il cambiamento, infatti, a garantire una prospettiva alla catena del valore, l’unico paradigma al quale riferirsi perché in grado di comprendere il mondo più vasto al quale l’impresa deve guardare. Un mondo che va oltre i cancelli dell’azienda, si allunga dentro la filiera, si allarga al cluster e finisce per abbracciare la vasta comunità degli stakeholder.

 

Al termine di questa prima fase di lavoro del tavolo Innovazione e Rivoluzione digital degli Stati Generali dell’ACCIAIO, è questa la primissima sintesi alla quale siamo arrivati. Un titolo, verrebbe da dire, per un lavoro intenso che per nove mesi ha impegnato una sessantina di contributori divisi in tre gruppi di lavoro: Collaborazione competitiva e trasmissione dei  saperi; Nuovi processi, nuovi prodotti, nuovi servizi; Nuove relazioni e nuova narrazione, tecnica e contenuti. Gruppi che sono stati ospitati in aziende e associazioni: dall’Associazione Italiana di Metallurgia di Milano al Csmt di Brescia; dalla Feralpi di Lonato alla Beretta di Gardone Val Trompia; dalle Fonderie Zanardi di Verona al gruppo LGH di Cremona.  Gruppi di lavoro che hanno avuto nella presentazione degli elementi più avanzati nell’innovazione della filiera dell’acciaio e nella contaminazione culturale i punti di forza.

Presentazioni e contaminazione che sono nel Dna degli Stati Generali dell’ACCIAIO fin dal convegno di lancio, lo scorso giugno alle Officine del Volo di Milano alla presenza dell’onorevole Antonio Tajani, diventato poi presidente del Parlamento europeo. L’obiettivo delle riunioni è stato approfondire i temi chiave emersi nel corso dei lavori (e sviluppati con interventi ed analisi pubblicati nella pagina di Siderweb dedicata agli Stati Generali dell’ACCIAIO), al fine di mettere a fuoco possibili soluzioni di filiera per alcune delle problematiche principali del comparto. In particolare gli argomenti che sono stati toccati e che sono stati approfonditi in questa ultima parte del percorso sono stati tre. INNOVARE IL PRODOTTO: più qualità, più flessibilità, più rispondenza alle esigenze del cliente. INNOVARE IL PROCESSO: più attenzione alla qualità del prodotto, al consumo di risorse, alla tutela dell’ambiente e della salubrità dei luoghi di lavoro. INNOVARE L'IMPRESA: più flessibilità e apertura verso tutti gli operatori della filiera. 

Ogni partecipante, secondo i rispettivi ruoli, visione e formazione, nonché alla luce dei cambiamenti portati dalla tecnologia e dall’avvento dell’Industria 4.0, ci ha aiutato a capire: 1. Quali sono le direttrici per l'innovazione di prodotto. 2. Quali sono le direttrici per l'innovazione di processo. 3. Quali sono le innovazioni della parte distributiva. 4. Come le tecnologie dell’Industria 4.0 intervengono sulle tre aree.

Alla fine è emersa la necessità di presidiare, da soli o in partnership, gli elementi del cambiamento. Proprio a partire dalle nuove tecnologie e dalla digitalizzazione. Un presidio che deve essere fatto in collaborazione, non tanto orizzontale (l’elemento competizione è punto imprescindibile del modo di stare sul mercato), ma verticale, dunque lungo la filiera. In tutto questo le opportunità offerte dall’Industria 4.0 daranno modo di gestire quantità di dati che, a partire dal consumo, potranno diventare vero e proprio elemento di direzione anche per la produzione. Il tutto dentro un perimetro di servitizzazione che, hanno detto ad una voce tutti i partecipanti, è il nuovo orizzonte al quale tendere (e non solo per l’acciaio). Con una attenzione particolare alle risorse umane che sono il vero valore aggiunto dell’intero processo.

Indicazioni, suggestioni, queste appena accennate che verranno ora sviluppate e approfondite per arrivare ad una pubblicazione che verrà presentata  e dibattuta nel corso di Made in Steel 2017. L’appuntamento, dunque, per la visione della filiera è a fieramilano dal 17 al 19 maggio.

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

  • 7 marzo 2017

    Prima gli obiettivi, poi la rivoluzione digital

    Quale direzione prendere per non uscire dal mercato? La riflessione del Tavolo Innovazione degli Stati Generali

  • 22 dicembre 2016

    Tavolo Innovazione: una prima sintesi

    Le linee guida emerse dalle nuove riunioni con i protagonisti della filiera siderurgica negli Stati Generali

  • 15 dicembre 2016

    Dall'Industria 4.0 alla fabbrica intelligente

    Contaminazione e confronto nella riunione del Tavolo Innovazione degli Stati Generali dell'ACCIAIO

  • 13 dicembre 2016

    Verso una nuova collaborazione nella filiera

    Seconda fase del Tavolo Innovazione e Rivoluzione Digital degli Stati Generali dell'ACCIAIO. Primo confronto al Csmt

Lascia un Commento



“Il successo è raggiungere quello che vuoi. La felicità è volere ciò che hai”

Dale Carnegie

DOSSIER

La strada verso l’acciaio del futuro

Le strategie a medio termine dei grandi gruppi siderurgici mondiali

19 giugno 2017
USA: il rischio di una guerra geo - economica
Archivio dossier

ULTIME NEWS

Ilva: altra giornata di incontri

Faccia a faccia interlocutori nei vertici con Confindustria e le associazioni ambientaliste

Liberty Steel rilancia l’impianto di Georgetown

Forni e laminatoi al via dal 25 giugno con la cerimonia ufficiale di riaccensione

Piombino: i sindacati chiedono più coinvolgimento

Fim, Fiom e Uilm, puntano ad essere presenti al prossimo vertice per l’accordo di programma

Acciaio nelle gare d'appalto

Le opportunità dai comparti utilizzatori d'acciaio nel mondo segnalate dal portale ExTender

Altre News

MERCATI

Travi

Prezzo base tra i 195 ed i 200 euro/t

Vergella

Prezzo stabilizzato su alti livelli

Rottame

Mercato in (fragile) equilibrio

Altre analisi

SPECIALI

Speciali

Speciale Rottame 4.0

Le materie prime in un mercato che cambia

Altri Speciali

Riciclo imballaggi

A cura di Ricrea

RICREA premia Brescia

Anche siderweb tra le realtà che il Consorzio ha riconosciuto quali attori importanti della filiera del riciclo